Di lei. Donne globali raccontano

mostra collettiva di donne immigrate

1 / 10 / 2009

 Di lei. Donne globali raccontano

Nell'opacità dell'attuale situazione politica vi sono donne che riescono ad inventare modi diversi di stare al mondo: ad esse e' dedicato Invenzioni quotidiane, numero 81 del 2009 della rivista di pensiero e pratica politica delle donne -DWFdonnawomanfemme-. Nell'ambito degli eventi legati alla presentazione della rivista sarà inaugurata la mostra.

 Il progetto fotografico -Di Lei-, nasce come racconto di storie al femminile. Un gruppo di donne immigrate, tra i venticinque e i cinquantacinque anni, fotografano il loro quotidiano all'interno di alcune famiglie italiane, dove hanno il ruolo riconosciuto di collaboratrici domestiche. Una di loro e' badante di un'anziana signora, tutte le altre lavorano all'interno di nuclei familiari in cui sono presenti bambini.

Il rapporto privilegiato e' sempre - e comunque - con la signora, la datrice di lavoro. Uno scambio continuo di ruoli, partecipazione emotiva e complicità. Basta uno sguardo per intendersi, per sentirsi a casa.

Sandra, Graciela, Maria, Isabelita, Iaroslava, Monica, Irene, Arcelie, Narciza e Agripina utilizzano la macchia fotografica per registrare momenti e situazioni. Indugiare su primi piani e dettagli rafforza la narrazione.

Arrivano dalle Filippine, dall'Ecuador, dal Peru', dal Brasile, dalla Romania e dall'Ucraina, storie difficili, le loro. Intense perche' parlano del coraggio di chi ha lasciato il proprio paese e gli affetti, affrontando solitudine, sconforto e difficoltà di ogni genere.Venire in Italia e' la speranza per un presente migliore, quanto al futuro difficile fare previsioni.

Alcune di queste donne sognano, un giorno, di costruirsi una casa nel paese d'origine. Altre, quelle che qui hanno messo su famiglia, preferiscono demandare ai loro figli - oggi bambini, domani adulti - l'idea di progettualità: bambini che - tra l'altro - hanno trovato una perfetta integrazione nel tessuto sociale italiano.

L'orgoglio e' la prima cosa che queste donne hanno dovuto mettere da parte, insieme ai titoli di studio. Per pulire, lavare, stirare, spolverare, cucinare, prendersi cura di grandi e piccini non c'e' bisogno di una laurea, ne' tanto meno di una specializzazione. -Ogni lavoro e' degno-, affermano all'unisono.

Hanno partecipato al progetto:Maria Acioly (Brasile)Agripina Aguilar Pircharde (Peru')Graciela Ayala (Ecuador)Monica Daniliuc (Romania)Irene Martin (Filippine)Isabelita Mendiola (Filippine)Arcelie Pagdilao (Filippine)Narciza Riasco Coronel De Jesus (Ecuador)Iaroslava Skolozdra (Ucraina)Sandra Tafur (Peru')

dal 29/9/09 al 10/10/09
Casa Internazionale delle Donne La Magnolia
Roma

Bookmark and Share

Gallery