Ivo Galimberti intervista Lucia Carli, autrice di EVENTO 3

7 / 1 / 2010

Presso Radio Sherwood Ivo Galimberti intervista Lucia Carli autrice di Evento 3 pubblicato da Campanotto Editore

Il testo è disponibile in libreria.

Ascolta l'intervista

Parte prima

Parte seconda

Dalla prefazione a cura di Ivo Galimberti

Cara Lucia,

credo di aver provato a leggere il tuo libro con l’ “intelligenza del cuore”: ti affido qui in poche righe le mie sensazioni a caldo.

Se dovessi scegliere una parola “simbolo” dell’intenso manoscritto che mi hai regalato, sceglierei la misconosciuta parola con-fusione : il prefisso “con” mi dà il senso dell’essere insieme, della presenza dell’altro, della compartecipazione di persone e cose diverse, mentre il sostantivo “fusione” mi suggerisce la sostanza e il disciogliersi di queste persone e cose nel calore di un crogiuolo, che alchemizza le diversità nell'unità. La stessa etimologia della parola con-fusione ne sana l'uso corrente, quello che ne fa una parola dal rumore molesto, una dissonanza, un disturbo della razionalità, per restituirla al magico significato di “melting pot”, in cui il diverso mantiene l'identità dell'intero pur donandosi alla “mescolanza”, al coraggio della relazione trasformante. A guarire la dilagante visione duplice e duale, che definisce e ferma le differenze in icòne, la visione che separa persone e cose opposte, in antitesi reciproca: soggetto-oggetto, vero-falso, buono-cattivo, utile, dannoso, scienza-arte, uomo-donna ….

Nel momento in cui le coppie degli opposti

svaniranno

quando soggetto e oggetto

abiteranno il crogiuolo alchemico

consci dell’unica appartenenza

come l'ape

potrò succhiare il nettare

nel profumo eccessivo

di una gardenia bianca

senza svenire

né ucciderla

Non sarò più un’ estranea”

Per un fisico, come me, che crede che la bellezza della scienza risieda nell’intensità complessa di certe sue risposte, la storia che l’Universo ci racconta, e che la stessa Lucia narra, é quella del continuo mescolarsi delle sue parti, ognuna delle quali mantiene profondamente l'identità dell'intero, nutrendo la coscienza di appartenere ad un'unità mutevole, nelle sue continue ed imprevedibili metamorfosi, in cui spazio e tempo, soggetto ed oggetto, ordine e disordine, equilibrio e disequilibrio, “vibrano vorticando in inimmaginabili scambi vitali,” a perpetuare all'infinito l’unità originaria della vita, che vive delle sue stesse trasformazioni.

E assistiamo nel libro, partecipiamo, alla nascita di un linguaggio, quello che hai creato per raccontarci questa storia vissuta in intimità con te stessa, con l'altro da te e con l'universo, in un quotidiano che contiene saporite briciole dell'intero vivente, un linguaggio che non può essere altro che la traduzione linguistica della con-fusione: nel fondersi cioè di prosa e poesia, di conscio e subconscio, di analisi scientifiche e favole mitologiche, di urla e mormorii, di sogni lontani e di realtà prossime, di parole e musiche, senza soluzione di continuità, senza pause, senza punteggiature …1

Dopo aver letto solo le prime pagine, a caldo, al telefono ti ho detto (ricordi?): “la tua scrittura mi fa sentire come se stessi camminando su uno di quei ponti di corda e canne, ondeggianti, sospesi sopra il baratro o la giungla, senza però avere, né a destra né a sinistra, una fune a cui aggrapparmi”.

Sconcertante ed emozionante !!!

Un grande abbraccio

         Ivo

Vai alla presentazione dal sito Campanotto Editore

Cenni biografici

Lucia Carli

Lucia Carli nasce a Siena in primavera, d' Aprile. Da sempre scrive.

Dopo un lungo girovagare, abita ora nelle crete senesi, a Montisi, un borgo antico pieno di vento ed allegria.

Coautrice del “L'uomo dalle suole di vento”- Pier Luigi Lubrina Ed. e di “Antologia verde”- Giunti Ed., esce per la prima volta in scrittura autonoma con “Ridondanza”, sempre per Pier Luigi Lubrina Ed.- Bergamo 1989.

Campanotto si avvale poi dell'edizione di due libri di poesia,“La poesia della materia intera”, prima edizione 1993, seconda edizione 2004, e “Le coccinelle in cuore al quadrifoglio”, 1999.

Infine nasce nel 2006, ancora con Campanotto, un piccolo libro per gli sposi, usato come dono di nozze, il cui titolo è un augurio pieno di fortuna, “Lo sponsale alchemico”.

Lucia Carli ha il vezzo di ringraziare il mondo e l'universo intero, la vita

Ivo Galimberti

Ivo Gallimberti, professore alla facoltà di Ingegneria dell’Università di Padova, scienziato di fama internazionale, si occupa di Fisica del Plasma, ed è considerato uno dei maggiori esperti al mondo nel campo dei fulmini e delle loro applicazioni. In particolare ha sviluppato, in collaborazione con Enti Internazionali di ricerca, modelli matematici capaci di prevedere la formazione e lo sviluppo dei fulmini, e di studiare la protezione di strutture, in campo civile, aeronautico, e spaziale. Ha inoltre contribuito a studi di avanguardia per lo sviluppo di nuove tecnologie di disinquinamento dei fumi industriali, basate su sistemi di filtraggio, in cui la produzione controllata di scariche elettriche riesce ad eliminare inquinanti chimici e particellari.

Bookmark and Share

Playlist