filosofia come ecoscandaglio nella palude italiana

Modena: Festival della filosofia

la filosofia-evento

18 / 9 / 2013

Modena, un successo che rischia di sedersi sul trono della gloria

Povera e nuda, come voleva Petrarca. Morta e sepolta, come da sempre si augurano i benpensanti. Inutile e ineffettuale, come pre- tendono gli scienziati delle tecnologie. Eppure la filosofia è capace di atti- rare 200 mila donne, uomini e ragazzi al Festival di Modena, Sassuolo e Car- pi. Un lungo week end dedicato all’« Amare» dall’edizione numero 13, co- me sempre gratuita e libera.

Fa davvero pensare la filosofia in piazza, sotto il tendone o a tavola. Ci si imbatte di nuovo nell’irriducibile volontà soggettiva di sfuggire ai monologhi neurolettici. E’ sorprendente, quanto sintomatico, il bisogno di ascoltare insieme «parole al vento» e di cercare singolarmente una passio- ne meno triste della realtà. Impressiona soprattutto l’esercito di giovani che possono interrogare liberamente Zygmunt Bauman, farsi autografare il diario da Alessandro D’Avenia o vedere Philippe Daverio proiettato sul maxischermo. E fa specie il silenzio del pubblico rapito dalle parole teoreti- che di Nicla Vassallo su sesso e genere, dalla storia del matrimonio d’amore di Luc Ferry o dal disvelamento dell’identità di Don Giovanni nella lezio- ne di Umberto Curi.

Scalda il cuore quest’Italia che filosofeggia nell’agorà dell’Emilia, a di- spetto dell’ideologia di ogni «ditta» che si sente eletta e non dialoga più. Forse non è un caso che il fantasma di Baruch Spinoza abbia affascinato più di altri classici, grazie a Paolo Cristofolini e al ferratissimo universitario di Bologna che lo interroga. Oppure che Stefano Rodotà sia il naturale riferimento della piazza senza transenne: presidente de facto della Repubblica in cui i beni e i diritti sono comuni.

Filosofia di massa, per tre giorni, in campo aperto. Significa amare i «mae- stri» che si alternano sul palco, ma anche dedicarsi a nutrire il cervello. E’ l’antidoto al pensiero unico, la diagnosi del bunga bunga intellettuale, la cura per menti empatiche. Una vera festa capace di sbugiardare clamorosamente la catalessi pubblica. Al di là delle statistiche e della contabilità, Modena e dintorni rappresentano l’oralità del Duemila che discorre ancora di mondi non virtuali. E’ la rivin- cita della filosofia sul marketing della comunicazione e insieme l’irriducibi- le persistenza degli «affamati di idee» rispetto ai consumatori di opinioni.

Ma sarebbe miope esaltare la visione del Festival senza guardare dietro le quinte. La macchina organizzativa impeccabile non può eclissare la para- bola di questi tre lustri. E’ stata una sfida coraggiosa, originale e vincente. Ha bisogno però di rimettersi in gioco, azzardare nuove scommesse, concedersi il lusso di ritentare l’impossibile. Proprio come ecoscandaglio nella palude italiana, la filosofia-evento ac- cende più di una spia sull’urgenza di esplorare altrove. E’ già un Festival che a tratti rischia di essere pop quanto Sanremo con qualche star di trop- po o che perfino stona. Scegliere «Gloria» come parola chiave dell’edizione 2014, forse, contiene già il rischio dell’autocelebrazione...

Ci serve davvero un Festival sempre più edificante? O, peggio ancora, me-diaticamente votato al trionfo? Non vale la pena rimescolare le carte? La filosofia regala domande perché non si accontenta mai di un’unica risposta. E al comitato scientifico del Festival non possono sfuggire almeno due dati di fatto. Fra i frequentatori di Modena, Sassuolo e Carpi è già evidente come sia stata «bruciata» la generazione del ventennio berlusconiano: la forbice anagrafica ha ritagliato quasi esclusivamente vecchio pubblico e nuove generazioni. D’altro canto, il cerchio dei filosofi non può soltanto far quadrato. E’ il momento giusto di aprirsi ad orizzonti un po’ meno accademicamente emeriti e un po’ più anomali, eterodossi, difformi. Magari inaugu- rando la stagione dell’esplicito con- traddittorio in piazza con chi pensa, ri- cerca e produce lungo la sottile linea d’ombra che ancora connette Atenei e pensiero in movimento.

Per il Festival, e non solo, sarebbe un imperdonabile peccato... glorifica- re le libertà nel recinto delle passioni tristi.

Tratto da:

Bookmark and Share