R.O.T.A.S. Trash Bloc dalla Capitale alla Valle.

Roma - Benefit x le spese legali: Yes We Trash! La Valle non si arresta!

Damiano e Davide liberi! Liber* tutt*!

Utente: Hlveea
28 / 1 / 2012

C.S.O.A. Sans Papiers #occupybankitalia e RadioSonar.net promuovono:

NoTav: Yes We Trash! La Valle non si arresta!
Serata Benefit per le spese legali che i compagni arrestati e indagati dovranno affrontare per aver leggittimamente resistito in Val Susa il 3 luglio dell'anno scorso.

Trash Bloc in console con la R.O.T.A.S. - Roma Trash All Starz:
Los Quifos - Conscious Trash [Sans Papiers, Radiosonar.net]
Dj Mirkione [Pump Up the Jam]
IDUDIGGEI-semiroquai e fabioski [csoa Corto Circuito]
Global Frogs [Experience Lab]

Damiano e Davide liberi! Liber* tutt*!

Il contagio: è la parola magica per capire il nostro tempo. La crisi dei mutui subprime e delle banche ha proceduto per contagio. Per contagio è esplosa la crisi dell'euro: come un'influenza, dalla Grecia all'Italia, dall'Irlanda alla Spagna. E ora anche la Francia e l'Austria, e la stessa Germania, che tutti i “medici” ritenevano immune.
I contagi che andrebbero prevenuti e curati, quelli che colpiscono il 99% della società, sono lasciati liberi, perché solo la libera concorrenza può salvare il mondo: questa è la dottrina inossidabile di top manager e ad delle holding bancarie, agenzie di rating e economisti. Quindi privatizzazioni, demolizioni del welfare e del diritto del lavoro, disoccupazione e povertà, devastazione ambientale e razzismo di Stato.
Ma l'estensione del contagio spaventa un pochino: e se qualcuno prova a ribellarsi? Allora entrano in gioco i governi nazionali e le procure più zelanti. La puntualità con cui questa mattina la procura di Torino, la solita, quella di Caselli, ha colpito il variegato “popolo No Tav” la dice lunga: di fronte al dilagare delle proteste di autotrasportatori e «forconi» occorre dare un segnale, spaventare e, soprattutto, impedire che segmenti sociali diversi si uniscano nella lotta. La durezza della crisi non ammette parole di dissenso, non tollera la dialettica democratica e la sospensione della democrazia deve procedere inesorabile, contro studenti e amministratori locali, giovani attivisti che non accettano di stare in silenzio di fronte allo scempio della Tav in Val Susa.
Ancora una volta, come accadde nell'estate del 2009, dopo le contestazioni del G8 di Torino, Caselli non perde occasioni per aprire le danze. Una maxi-operazione con decine di perquisizioni e arresti, misure cautelari che colpiscono giovani e giovanissimi incensurati, gettati nella solitudine e nella disperazione del carcere, solo per aver partecipato ad una grande manifestazione, quella del 3 luglioscorso, alla quale hanno preso parte oltre 70.000 persone, la Valle tutta quanta. Viene scelta una lotta simbolo, per chiarire a chi non l'avesse ancora capito, che il governo Monti non scherza, che il diritto al dissenso è un vecchio ricordo costituzionale che ora occorre mettere da parte, perché a contare e a decidere sono solo i mercati finanziari, gli stessi che hanno gettato il mondo nel burrone con le loro frodi e i loro saccheggi. Si colpisce la Val Susa, ma si parla ai pescatori, ai movimenti sardi e siciliani. Di più: si avvisano giovani e studenti che per loro è giunto il momento di stare buoni, di accettare senza lagne disoccupazione e povertà.

Non ci faremo intimidire, le loro manette non ci spaventano!

Siamo con Damiano e Davide! Studente di Scienze politiche e della rete studentesca UniCommon il primo, generoso protagonista del movimento dell'Onda nel 2008 e delle mobilitazioni dello scorso autunno, contro i tagli di Tremonti e Gelmini all'università. Attivista del movimento per il diritto all'abitare Action il secondo, da sempre al fianco dei più deboli e dei senza casa. Li vogliamo liberi e li vogliamo liberi subito, perché dissentire contro le opere inutili, difendere i beni comuni e i territori, tutto questo non è reato!

Siamo al fianco di tutti gli arrestati e gli indagati, anche per loro chiediamo libertà immediata!

Anomalia Sapienza/UniCommon, Point break – studentato occupato, Action – diritti in movimento, Esc – atelier autogestito, Assemblea di Medicina, Horus project, Strike, Csoa Corto Circuito, Csoa La Strada, Angelo Mai/Altrove, Laboratorio Puzzle, Csoa Sans Papiers, RadioSonar.net, Csoa Spartaco, Onda rossa 32

No Tav, si Vov, Meno Moretti, Più Peroni!

http://sanspapiers.noblogs.org/
http://www.radiosonar.net/
http://www.actiondiritti.net/

Prima della trash night Aperiteather a cura del gruppo teatrale del Sans Papiers.
https://www.facebook.com/events/205558169541004/

NoTav: Yes We Trash!

Bookmark and Share