Schio (VI)- Flash Mob per il diritto allo studio

Schio (VI)- La scuola si ribella! Gli studenti dell'Alto Vicentino in piazza

Flash Mob nella giornata internazionale per il diritto allo studio

18 / 11 / 2012

Ieri 17 novembre gli studenti dell’Alto vicentino hanno partecipato ad un flash mob a Schio lanciato dal Coordinamento Studentesco e dai rappresentanti degli istituti superiori del territorio.

Dopo la grande giornata del 14 novembre in cui anche a Vicenza, così come in tutta Italia e in Europa, gli studenti e i precari sono scesi in piazza contro le politiche di rigore e di austerità promosse dalla troika (BCE, FMI e UE), i giovani di Schio e dintorni hanno deciso di dare in questo modo continuità alle mobilitazioni in atto.

Cogliendo l’occasione della ricorrenza della Giornata Internazionale per il Diritto allo Studio alle ore 16:30 all’incirca 200 tra studenti e professori, al segnale prestabilito, si sono seduti a terra e hanno letto simbolicamente a turno alcune righe tratte dai libri che si erano portati da casa per l’iniziativa. Contemporaneamente un altro gruppo di studenti ha srotolato degli striscioni dal balcone del duomo della città in cui veniva espressa la loro denuncia contro i continui tagli alla scuola pubblica che mettono a serio repentaglio i loro diritti.

Alla fine della manifestazione il Coordinamento Studentesco e i rappresentanti d’istituto hanno consegnato una lettera all’assessore alle politiche giovanili del comune di Schio in cui venivano elencate le ragioni della loro protesta. Le problematiche che gli studenti hanno espresso con questo documento, e che vivono quotidianamente sulla loro pelle, riguardano la mancanza di spazi auto organizzati adibiti ai giovani in cui si possano svolgere attività formative e di aggregazione fatte dagli studenti per gli studenti, il degrado degli edifici scolastici, la carenza e la scarsa qualità del servizio offerto dai trasporti pubblici, lo spreco di denaro all’interno degli istituti e la scarsa qualità dell’offerta formativa extrascolastica data dalle scuole.

È stato inoltre ribadito che quella di oggi è solo la prima delle tante iniziative che questo coordinamento di studenti porterà avanti durante il resto dell’anno per ottenere quanto richiesto al fine di migliorare la propria condizione.

[BE STUDENT, BE REBEL]

Coordinamento Studentesco e Rappresentanti d'Istituto Schio

Bookmark and Share