Anonymous con la Palestina: attaccati i siti del governo israeliano

18 / 11 / 2012

Mentre Israele e Hamas sono da ore impegnate a lanciarsi missili da tre giorni, Anonymous si è schierato al fianco dei palestinesi, colpendo alcuni siti appartenenti al governo israeliano. L'account collegato a Anonymous ha invitato i seguaci ad "abbattere" più di 40 siti web appartenenti al governo israeliano e ai militari. "Per la popolazione di Gaza e i territori occupati. Faremo tutto quanto in nostro potere per ostacolare le forze del male della IDF schierati contro di voi.

Useremo tutte le nostre risorse per assicurarsi di rimanere connessi a Internet e rimanere in grado di trasmettere le vostre esperienze con il mondo. Noi di Anonymous non staremo a guardare lo stato vile sionista demolire la vita di persone innocenti".

ORE 15.30: Anonymous torna a occuparsi di Israele. Pubblicato oggi un comunicato stampa in cui il gruppo accusa Israele di trattamento barbaro e brutale del popolo palestinese.

"Come molti altri nel mondo, ci sentiamo impotenti di fronte a questo demonio implacabile. E il disumano attacco di oggi e la minacciata invasione di Gaza è più del solito.

Ma quando il governo di Israele pubblicamente ha minacciato di chiudere tutte le comunicazioni e la rete internet dentro e fuori Gaza, ha passato il limite. Noi siamo Anonymous e nessuno chiuder internet sotto i nostri occhi. All'IDF e al governo israeliano diamo un solo avvertimento.

Al popolo di Gaza e dei 'Territori Occupati' diciamo: siamo al vostro fianco nella lotta".

ORE 21.25: In una serie di attacchi denominati "OpIsrael", il gruppo Anonymous sta colpendo molti siti governativi e non, impedendone la visualizzazione. Tra i siti colpiti quello dell'Israel Security Academy e quello di un blog di gruppo descritto come appartenente alle Forze di Difesa israeliane.

"Noi Anonymous non staremo seduti a guardare il vile Stato sionista demolire la vita di persone innocenti", si legge in un messaggio inviato ad uno dei siti attaccati.
Attraverso la sua pagina twitter Anonymos ha fornito anche un link che spiega come restare connessi ad Internet nel caso in cui Israele dovesse tagliare la connessione nella Striscia di Gaza durante la sua azione militare.

ORE 23.52 Anonymous attacca il sito del partito israeliano Kadima. Gli hackers - che si sono firmati come anti-sionisti - hanno postato sul sito una canzone in arabo ed un video delle truppe israeliane che scappano e piangono durante un lancio di missili dalla Striscia di Gaza.

Dopo l'attacco, il sito è stato oscurato per riparazioni.

La lista dei siti israeliani attaccati da Anonymous.

Bookmark and Share