Vicenza- "Scarti", mostra d'arte contemporanea al Bocciodromo

Inaugurazione di una mostra intenta a ridisegnare l'idea di inutile, di avanzo, di scARTo.

18 / 4 / 2012

Venerdì 20 aprile verrà inaugurata una mostra d'arte contemporanea intitolata "Scarti". Una mostra collettiva intenta a ridisegnare l’idea di inutile, di avanzo. Modelli, ideologie, oggetti, parole e persone.
L’eccesso riutilizzato, riqualificando materia e pensieri, vittime della miseria consumistica o del fluire del tempo. Scostati dal punto di origine dell’oggetto, dall’intento archetipo, considerando l’utilità del vecchio,cambiandone la costituzione o conservandone le caratteristiche, modellandolo lungo una nuova sagoma artistica.
L’utilizzo di materiali deposti, obsoleti o, concettualmente, ciò che viene considerato eccedente,uno scARTo.

CENA: La partecipazione è libera ed a buffet, ognuno è invitato a portare qualcosa rielaborando gli scarti e gli avanzi della propria cucina. Niente di marcio ma solo gustose rielaborazioni di altre pietanze, come nelle cucine dei nostri nonni. “Il minestrone della mi nonna durava dieci giorni: il primo giorno era minestrone, il secondo giorno era minestrone riscaldato, il terzo giorno ci aggiungeva il pane strusciato con l’aglio e era ribollita, il quarto giorno era ribollita riscaldata, il quinto giorno ci rompeva dentro un uovo e lo metteva sulla cucina economica nella pentola di coccio e era acqua cotta, il sesto giorno era acqua cotta riscaldata, il settimo giorno ci metteva una fetta di cacio sopra ed era festa perché c’era la torta di minestrone, l’ottavo giorno c’era torta di minestrone riscaldata, il nono giorno lo passava nella pastella e lo metteva in padella e si mangiavano le frittelle di minestrone, il decimo giorno le frittelle di minestrone riscaldate..” (E. Guerrini, Orti insorti, 2008).

PROIEZIONI: N.U. Nettezza Urbana, Michelangelo Antonioni, 1948

La giornata delle persone che devono temere pulita Roma è l'occasione con cui Michelangelo Antonioni racconta una città dove convivono le persone, le vite e gli atteggiamenti più diversi, La forza delle immagini è tale che il commento della voce fuori campo, tipica dei documentari dell'epoca, scompare dopo pochissimo tempo. Della Città Eterna ad Antonioni non interessano tanto le bellezze secolari quanto le povere vite, e un barbone accartocciato sui giornali sembra essere per la sua cinepresa più interessante della storica scalinata di Trinità dei Monti. Uno sguardo all'epoca assolutamente anticonvenzionale sia per gli argomenti trattati sia per il modo in cui sono narrati.

Nulla si distrugge, Cinegiornale Luce, 1939

Documentario sulla raccolta differenziata porta a porta a Milano durante il fascismo.

Il favoloso mondo di Pippi, di Daniel Bertacche, 2012

Un documentario su Pippi Dalle Molle, un anziano maestro pittore di Castelnovo che ha fatto dell’arte del recupero la sua filosofia e ragione di vita. Una critica al consumismo della società contemporanea ed un excursus storico sugli anni della grande guerra, della ricostruzione e del boom economico.

Il vendicatore tossico, Lloyd Kaufman e Michael Herz, 1985

Ambientato a Tromaville, un'immaginaria città nei pressi di New York dove vengono raccolte le immondizie e le scorie radioattive della città, è un film che racconta la storia del giovane Melvin Ferd, un ragazzo imbranato e nerd, che fa le pulizie nella palestra cittadina. Melvin viene giornalmente deriso e maltrattato dai giovani che frequentano la palestra, addirittura viene costretto a indossare un tutù e a baciare una pecora. Ma proprio un incontro con le scorie radioattive cambieranno la sua vita, trasformandolo in "il vendicatore tossico"...

SABATO 5 MAGGIO dalle ore 15.00 laboratorio di RICICLARTE, crea e trasforma i comunemente intesi rifiuti in oggetti unici e di design per abbellire e rendere più confortevole il Bocciodromo.

IN ESPOSIZIONE: Allari Elvezia (VICENZA), Agosti Elena (SCHIO), Bassan Francesca (SARCEDO), Bertacche Nadir (VICENZA), Bertacche Daniel (CASTELNOVO), Boscarato Mauro (SCHIO), Casentini Elena (SCHIO), Converio Mario (SCHIO), De Sanctis Moran (VICENZA), Guasina Giorgio (RECOARO), Pavin Attilio (VICENZA), Sanders Jim (BRIGHTON), Zanini Roberto (MALO), Zanrosso Marco (SCHIO), Zappin Cristina (VICENZA).

Per informazioni: 349 3265551.

Bookmark and Share