Trento - OltrEconomia Festival, movimenti e pratiche del comune

Al Parco S.Chiara dal 31 maggio al 2 giugno conferenze, workshop, mercatini e laboratori.

20 / 5 / 2014

Dal 31 maggio al 2 giugno a Trento ci sarà l’”OltrEconomia Festival” un percorso di DIBATTITI, ANALISI e WORKSHOP che metterà in campo attraverso il contributo di ospiti internazionali, nazionali e locali, quelle elaborazioni e soluzioni che da oltre un decennio attraversano il mondo e si contrappongono alla visione neoliberista dell’economia.

ACQUA, TERRA, ENERGIA, GIUSTIZIA SOCIALE, BENI COMUNI E PRATICHE COLLETTIVE saranno letti attraverso le lenti della democrazia e della finanza, ed elaborati da rappresentanti di reti, organizzazioni e comitati, protagonisti della resistenza alla crisi e della costruzione di una alternativa possibile.

Colombia, Brasile, Grecia, Germania, saranno alcuni dei Paesi ospiti che articoleranno le loro esperienze con quelle del nostro Paese, per raccontare i percorsi di democrazia diretta, gestione partecipata dei beni comuni, autoproduzione delle risorse; e ancora: l’autonomia dei centri sociali, le occupazioni degli spazi abitativi, del lavoro, della creatività, della democrazia; le campagne per una nuova finanza pubblica e contro i trattati di libero scambio internazionali.

Una risposta anche al Festival dell’Economia 2014, quest’anno dedicato a “Classi dirigenti, crescita e bene comune”, che da quasi un decennio continua sostanzialmente a promuovere le dinamiche economiche e sociali che la crisi l’hanno provocata, in una proposizione che avvalla i paradigmi di una crescita economica connessa ai meccanismi di finanziarizzazione della natura e allo sfruttamento di interi segmenti della società civile.

OltrEconomia Festival vuole dare una sua lettura, diversa e alternativa di “economia/democrazia e beni comuni”, contrapponendo alle dimensioni di delega alle classi dirigenti, la partecipazione, l’orizzontalità e la responsabilità individuale e collettiva della gestione dei beni comuni; sottolinenando la maturità di elaborazione, in una visione intellettuale generata e supportata da movimenti e pratiche sociali diffuse.

Giornate che vorranno affrontare da una parte il nesso che lega “Politiche europee, finanza e democrazia”, dall’altra le nuove culture e pratiche nate attorno ai “Beni comuni naturali e della conoscenza”.  

Le mattinate insieme agli ospiti – docenti, scrittori, economisti, militanti – si svilupperanno le analisi storiche e politiche degli argomenti, anche attraverso interazioni con alcuni dei partecipanti al festival dell’Economia di Trento.
Nei pomeriggi attraverso i workshop, saranno le soluzioni che già numerose esperienze di pratiche collettive stanno portando avanti, ad essere protagoniste di un confronto e di una esplicazione alla portata di chiunque si voglia informare, ma anche far coinvolgere, nelle dinamiche sociali che già rappresentano una alternativa. Perché dall’OEF vogliamo far scaturire alleanze e proposte concrete.

In contemporanea nei giardini del Santa Chiara saranno offerti laboratori per bambini, mentre una esposizione di produttori locali e bancarelle espositive delle associazioni saranno il contorno ludico ed informativo dell’OEF.

Le sere, teatro e presentazione libri, mentre la Biosteria “Alla cuoca rossa, da Clara” del contro Sociale Bruno servirà piatti e stuzzicherie con i prodotti biologici.

Una terza giornata conclusiva (2 giugno) vedrà l’Assemblea finale aprirsi con il confronto fra il brasiliano Joao Stedile e l’esperienza di riappropriazione delle terre del movimento mondiale Movimento Sem Terra, e Gigi Malabarba, che con la Rimaflow di Milano porterà l’eccezionale esperienza di recupero ed autogestione di una fabbrica che ha voluto improntare il proprio percorso sui valori di reddito, lavoro, dignità.

Insieme alla battaglia per la democrazia del Forum Italiano dei Movimenti per l’acqua per il rispetto del voto di quello stesso referendum che nel 2011 vinceva una straordinaria battaglia al grido di “Si legge acqua, si scrive democrazia”.
Un’Assemblea partecipata in cui saranno riportati i lavori degli workshop delle giornate precedenti come snodo fondamentale di un’elaborazione collettiva che proverà ad essere proposta concreta per le politiche del comune e che sarà comunque – questo è l’auspicio – un punto di partenza per dire che insieme siamo già andati Oltre, e dobbiamo continuare immaginando, costruendo, lottando per l’economia solidale e la giustizia sociale ed ambientale che vogliamo.

Programma completo qui

info: oltreconomiafestival.wordpress.com

twitter: @FestivalOltrE

Contatti:

Francesca Caprini: 3420904626 francesca.yaku@gmail.com

Stefano Bleggi: 3289173733 bleggistefano@gmail.com

Bookmark and Share

L'invito di Alex Zanotelli

L'invito di Monica di Sisto - Stop TTIP