Cosa rimane dello sciopero di Chicago

Si è concluso lo sciopero degli insegnati di Chicago che vedono accolte gran parte delle loro rivendicazioni.Il riento in aula lascia aperte alcune pesanti questioni sul futuro dell'istruzione e della società americana. Riportiamo un contributo tratto dal sito del giornale The Nation.

20 / 9 / 2012

Lo sciopero degli insegnanti di Chicago ha aggiunto una problematica interessante alla campagna presidenziale. Anche se lo sciopero è terminato, le questioni che ha sollevato non posso essere eluse.
Finora uno dei più grandi perdenti nel sciopero è Obama. Dopo tutto, lo sciopero era essenzialmente un faccia a faccia tra due anime importanti dei sostenitori del presidente, la base degli insegnanti e il suo sindacato da una parte e dall'altra i neoliberali per le riforme sociali (a Chicago, guidati dal suo ex capo di Rahm Emanuel e sindaco).   Molte delle riforme che gli insegnanti combattono dall'espansione delle scuole charter, all'uso di punteggi nei test per valutare gli insegnanti, e alla chiusura delle "scuole di sostegno", sono le riforme emanate dall' allora Chicago Scuole diretto da Arne Duncan, ora Segretario di Obama della Pubblica Istruzione. Infatti, le politiche che vengono contestate oggi dagli insegnanti a Chicago sono in gran parte state incorporate nel programma federale di Obama.
Il presidente ha sollevato spesso durante la campagna elettorale il problema l'educazione: i sondaggi hanno dimostrato che il pubblico è profondamente preoccupato per lo stato dell'istruzione pubblica. I drastici tagli ai finanziamenti, causati dalla recessione, hanno richiesto un tributo pesante sulle scuole in tutto il paese.            
Negli stati in bilico come l'Ohio, Nevada, Pennsylvenia e Florida, migliaia di insegnanti e altro personale sono stati licenziati e le classi sono aumentate e i programmi per l'infanzia, la musica, l'arte e tutti i programmi di doposcuola sono stati ridotti o addirittura eliminati.

Anche se gli attivisti sindacali e altri sono stati critici su molte delle politiche educative del presidente; certo alcune cose sono state fatte come l'uso dei fondi federali per salvaguardare oltre 400.000 posti di lavoro in materia di istruzione, l'uso dei fondi è stato temporaneo ma il danno sarebbe stato molto peggiore senza il sostegno federale. C'è anche un impegno concreto per rendere le scuole più sostenibili e accessibili anche attraverso la revisione dei tassi di interesse, sensibilmente abbassati, sui prestiti agli studenti.
Tuttavia, assolutamente criticabile è l' atteggiamento verso gli insegnanti e la riluttanza a riconoscere che la più grande sfida per scuole pubbliche in tutto il paese è in realtà la povertà. Quello che è successo nelle scuole di Chicago esemplifica queste debolezze.

Il distretto ha subito riforme coerenti con le indicazioni dell'agenda di Obama: espansione della charter school e la chiusura delle scuole in mancanza del assunzione degli insegnanti che non siano stati certificati dal Teach for America. In realtà neanche la metà degli studenti delle scuole pubbliche di Chicago riuscirebbe a soddisfare o superare gli standard di apprendimento e le scuole hanno uno dei più alti tassi di abbandono della nazione
Chiaramente, qualcosa non funziona a Chicago e il sistema scolastico è stato  abbandonato a se setesso per lungo tempo.
Gli insegnanti sono stati audaci nella loro denuncia dei modi inappropriati in cui i test sono stati usati per classificare gli studenti, le scuole e gli insegnanti, ma sono stati meno chiari su ciò che dovrebbe essere fatto per promuovere il cambiamento e miglioramento. Mentre il sindacato ha sollevato la questione critica della povertà degli studenti visto l'alto numero di insegnati e classi di sostegno, ma non è disposto a concedere deroghe sul tempo di insegnamento.

Il presidente Obama, i sindacati degli insegnanti e tutti i riformatori farebbero bene a concentrare maggiormente l'attenzione sulle tre grandi questioni correlate, che rappresentano la più grande minaccia per la pubblica istruzione e la società americana in generale. Si tratta di questioni complesse che non saranno risolte da un accordo sul contratto tra le parti in conflitto a Chicago, ma non possono essere evitate se si vuole risolvere veramente ciò che affligge le nostre scuole pubbliche.

Dal 2008, i tassi di povertà per i bambini sono saliti alle stelle.  L'impatto della povertà sulle scuole e sullo sviluppo del bambino è più grave nelle città e in stati come Michigan, California e Arizona. Sempre più spesso, le scuole pubbliche sono tutto ciò che resta della rete di sicurezza per i bambini poveri, e con i finanziamenti per l'istruzione tagliati in tutti gli stati, la rete di sicurezza sta cadendo a pezzi.

I cambiamenti demografici, già in nove stati, la maggior parte dei bambini in età scolare proviene da una minoranza. Il numero degli Stati con le minoranze che nei prossimi anni diventeranno maggioranza demografica è in aumento. Poiché la composizione etnica delle scuole continua a cambiare sta diventando sempre più difficile ottenere il sostegno dell'opinione pubblica per il finanziamento della scuola. Gli elettori non sembrano capire che i bambini della scuola di oggi avranno il compito di sostenere l'invecchiamento della popolazione in gran parte bianca.  Sarà meno istruita, più povera, la forza lavoro multirazziale in grado di prendersi cura di una popolazione bianca che invecchia?

La crescente segregazione, Secondo il Progetto per i diritti civili con sede a UCLA,  latinos e neri, le due maggiori minoranze, frequentano le scuole segregate più oggi che durante il movimento dei diritti civili quarant'anni fa. La segregazione è più grave negli stati occidentali, tra cui California e non nel Sud, come molti credono, e sempre più, la maggior parte sono segregati dalla povertà e per la razza. Dato che i tassi di abbandono e la mancata tende ad essere più elevato nelle scuole dove si concentrano i bambini poveri, come sarà la prossima generazione di giovani?

Gli insegnanti di Chicago hanno avuto il merito di mettere in discussione le riforme neoliberiste e l'unità verso la privatizzazione, che sono stati promossi da Rahm Emanuel, Arne Duncan, e in una certa misura dal presidente Obama. Tuttavia la difesa di un sistema scolastico in cui la stragrande maggioranza sono poveri, neri e latino senza offrire una visione per il cambiamento globale non è sufficiente. I genitori ora chiedono un posto al tavolo dei negoziati. Forse questo può essere quello che ci vuole per creare scuole che siano veramente responsabili verso coloro che le vivono.

Bookmark and Share