Bifo: Come si fa, 2010 - Courtesy by Cangura

G. Frasca: Su e giù con Platone fra voce, scrittura e schermo

Dylan Thomas reads "Do Not Go Gentle Into That Good Night"

Bifo: Come si fa, 2010 - Courtesy by Cangura

Invasion of the Body Snatchers

Body Snatchers (1992) (Theatrical Trailer)

Autoanalfabeta University of Utopia: Verba manent, scripta volant

L'invasion des profanateurs #01

Perchè non possiamo non dirci autoanalfabeti

5 / 7 / 2013

Gabriele Frasca è nato a Napoli nel 1957. Insegna Letterature comparate e Media comparati all'Università di Salerno. Tra i suoi volumi ricordiamo Cascando. Tre studi su Samuel Beckett (Liguori, Napoli 1988), La scimmia di Dio (Costa & Nolan, Genova 1996) e la raccolta di testi teatrali Tele (Cronopio, Napoli 1998). Per Einaudi ha pubblicato LimeRive e Rimi nella «Collezione di poesia». Ha inoltre curato, sempre per Einaudi, Le poesie eWatt di Samuel Beckett. Il suo ultimo romanzo, Dai cancelli d'acciaio, è apparso nel 2011 presso Luca Sossella Editore. Tra i suoi saggi: La lettera che muore: la «letteratura» nel reticolo mediale (Meltemi 2005) e Un quanto di erotia. Gadda con Freud e Schrödiger (d'if 2011).

In un saggio del 1936, La radio, l’arte dell’ascolto, un giovanissimo Rudolf Arnheim salutava l’avvento della radiofonia come l’evento che avrebbe finalmente, come già era avvenuto col grammofono, liberato la vera essenza della musica. Potere accedere a un brano musicale senza dipendere dalla visibilità del corpo dell’esecutore avrebbe difatti, a detta di Arnheim, portato a compimento il destino stesso di un’arte che per sua stessa natura non poteva che tendere al trascendimento dei corpi. La musica avrebbe dunque seguito il destino delle arti del discorso, liberate con l’introduzione della scrittura (e ancor di più con l’avvento della sua riproducibilità grazie ai caratteri mobili della stampa), non già dalla voce (i testi hanno sempre una loro voce, che è quella del lettore), ma dalla necessità di passare attraverso l’apparato fonatorio di un unico elocutore. Scorporare è certo il destino dell’arte, e dei mezzi che la supportano, che sono tutti alla lettera dei profanateurs, cioè dei body snatchers. E le cose poi con la musica sappiamo bene che piega avrebbero preso: nel giro di un paio di generazioni si sarebbe passati dalla cancellazione della visibilità dell’esecutore alla possibilità di fare a meno addirittura del suo corpo… La musica alle macchine!

Ripenso spesso a questo passo, e al destino trionfante della scorporazione nella musica, quando ragiono sull’inevitabile affermazione dell’ebook, supporto quanto mai economico e smateriante, che finirà col rappresentare, in barba alle paure dei soliti difensori del bel tempo che fu, non già la fine di quella che viene chiamata la “civiltà del libro”, ma forse la sua (in tutti sensi) sublimazione. L’ebook non è la morte telematica del vecchio volume tipografico: è la sua magnificazione, e proprio perché apre i confini della pagina a una fruizione multisensoriale che darà nuova linfa alle opere che lo sceglieranno come supporto. Già da un po’ si valuta non a caso la possibilità di creare ebook “arricchiti”, che abbiano insomma al loro interno quegli stessi contenuti aggiuntivi che furono sperimentati inizialmente, all’epoca della loro diffusione (e prima che soccombessero ai più commerciabili DVD) dai CDRom. E fra tutto ciò che un ebook potrà offrire (link di approfondimenti, immagini addirittura in movimento, richiami immediati ad altre testualità), farà su tutti scalpore il convitato di pietra della cultura tipografica: la voce. Nuove modalità di lettura, o lettura “assistita”, sono oramai alle porte…

G. F.

Autoanalfabeta - LogoAutoanalfabeta University of Utopia – a cura di Lello Voce con Claudio Calia, Gabriele Frasca, Luigi Nacci, Gianmaria Nerli, Massimo Rizzante // in Redazione: Lucia Tundo (testi e ricerche web), Mattia Barbirato (video e montaggio). Il Logo di Autoanalfabeta University of Utopia è di Fabrizio Urettini // La sigla video è di Mattia ‘Kollo’ Ceron // Soundtrack: Demetrio Stratos, O Tzitziras O Mitziras (1978). Autoanalfabeta è una produzione Globalproject.info
Ci trovi anche su Facebook

P. S.: questo post è un rizoma, è esteso, aiutaci anche tu a renderlo sempre più ricco suggerendoci link e materiali nei commenti al nostro trehad dedicato a questo post sulla nostra pagina Facebook.
Sei libero di consultare questo post come credi e se sei un integralista dell’alfabeto certo inizierai dallo scritto. Noi ti suggeriamo di iniziare a percorrere questo spazio ad iniziare dai video. In ogni caso ricorda che il testo di questo post ha integrato una serie di link ipertestuali che ne fanno parte a pieno titolo. In realtà non lo avrai letto del tutto prima di aver consultato anche i suoi link – no books allowed in this area ;-)

Bookmark and Share