Il futuro di Iran ed Iraq e il declino dei paesi non Opec

Iran ed Iraq aumenteranno la produzione petrolifera e la loro importanza strategica, mentre i paesi non Opec nel loro complesso inizieranno a diminuire il petrolio estratto per il declino naturale dei giacimenti.

Utente: MarcoPalombo
4 / 3 / 2017

saddam.jpg

da  www.lecorvettedellelba.blogspot.it

La produzione petrolifera complessiva dei paesi non Opec, oggi 62 mb/g su 95 mb/g totali, inizierà a diminuire entro pochi anni o addirittura entro pochi mesi. Contemporaneamente crescerà la percentuale di mercato dell’ Opec che ha il 66% delle riserve accertate mondiali e soprattutto aumenterà l’ importanza strategica di Iran e Iraq che insieme hanno il 20% delle riserve mondiali, producono oggi circa l’ 8% della produzione globale e negli ultimi decenni non hanno sfruttato al meglio le proprie risorse a causa di sanzioni internazionali.


C’ è oggi un’ abbondanza di petrolio come mai era successo nei decenni precedenti ?
E’ vero che oggi c’è un’ offerta di petrolio superiore alla domanda, ma è sempre esistita una capacità di produrre petrolio in misura superiore a quanto richiedesse il mercato e l’ Opec, composta da tredici paesi grandi produttori, dalla sua fondazione ha sempre gestito le proprie  risorse in modo da tenere in equilibrio l’ offerta con la domanda e avere così i prezzi a livelli a lei graditi.Un esempio recente:dopo la profonda recessione mondiale che seguì la crisi finanziaria del 2008, l’ Opec nel giro di pochi mesi tagliò 4 milioni di barili il giorno su 28 mb/g prodotti in quel momento. Nel 2015 e 2016 invece, mentre i prezzi crollavano, non ha ridotto la sua offerta e solo dal primo gennaio 2017 ha diminuito di un milione b/g il petrolio estratto ma tagliando insieme ai paesi non Opec, non accadeva dal 2001, che nei prossimi mesi  ridurranno 558 mb/g dalla loro produzione del novembre 2016.Il prezzo basso del 2016 è stato dunque conseguenza di una scelta dell’ Opec, o dell’Arabia saudita, suo paese guida. Una scelta dettata da motivi commerciali o politici e non obbligata.
Lo shale gas ha incrementato in modo ingovernabile il mercato di petrolio ?
Negli ultimi anni gli USA hanno prodotto tre milioni b/g in più grazie alla nuova tecnica, ma nello stesso periodo hanno anche ridotto i consumi di 2 mb/g migliorando l’ efficienza energetica. I nuovi 3 mb/g arrivati sul mercato con lo shale gas sono meno di quanto Norvegia, Messico e Gran Bretagna  hanno perso a causa del declino dei loro pozzi. Questi tre paesi non Opec infatti attorno al 2000 sono arrivati a produrre complessivamente anche 9 mb/g ed oggi non superano i 4,5 mb/g. Inoltre la tendenza a diminuire i consumi di petrolio non è solo degli USA  ma di tutti i paesi più avanzati. L’ Italia dal 2008 ha ridotto il suo consumo del 30%, in parte per la crisi economica ma anche per i miglioramenti nell’ efficienza energetica.Il petrolio quindi è sempre prezioso ma è possibile consumarne molto meno con risultati equivalenti, è naturale di conseguenza che il suo valore scenda.
Il declino di produzione dei paesi non Opec.
La produzione complessiva non Opec del 2015 fu inferiore a quella del 2014 e potrebbe iniziare presto un declino continuo inesorabile.Singolarmente i principali paesi produttori non Opec sono ormai ai loro massimi ed alcuni hanno iniziato nettamente il proprio declino produttivo. Ho già scritto di Norvegia, Gran Bretagna e Messico, grandi produttori ormai declinanti da anni. La Cina, che ha raggiunto i 4 mb/g di produzione, a fine 2015 era tornata ai livelli del 2013 e nel 2016 è calata del 6%. La sua produzione è prevista in calo nei prossimi anni, l’ incertezza è solo sulla velocità della discesa. Anche l’ Egitto sta diminuendo progressivamente la propria offerta.USA e Russia invece sono ai massimi della loro produzione con livelli insperati pochi anni fa, ma le loro riserve accertate sono molto limitate rispetto alla produzione ed entrambi i paesi non reggeranno molto a questi ritmi. La produzione del Canada rimane al momento alta ma alcune sue riserve sono molto costose da mettere sul mercato e rischiano di rimanere inutilizzate.
Accordo Opec-non Opec del dicembre 2016
I paesi non Opec a inizio dicembre 2016 hanno concordato con l’ Opec un taglio di produzione di 558 mila b/g, 300 di questi in Russia. A gennaio la Russia aveva ridotto di 120 mb/g, dopo aver concordato una progressione lenta della sua diminuzione. Nello stesso mese gli altri non Opec complessivamente hanno ridotto di quasi 300 mila b/g mentre avevano concordato 258 mila b/g di riduzione.Il declino naturale supera quanto era stato concordato di diminuire ? Vedremo nei prossimi mesi se gennaio è stato un eccezione, ma è possibile che l’ accordo non Opec - Opec, il primo dal 2001, nasconda il declino naturale dei paesi non Opec, facendolo passare per una volontaria strategia commerciale.
Nel 2015 e nel 2016 investimenti in calo di più del 20% annuo.
Negli ultimi due anni sono crollati gli investimenti in ricerca ed avviamento di nuovi siti produttivi, si dice a causa dei bassi prezzi di vendita. La diminuzione totale è calcolata in almeno 1.000 mld di dollari. L’ Iea, agenzia energia dei paesi OCSE, teme che questo porti problemi nell’ offerta di petrolio nei prossimi due tre anni.Ma il calo potrebbe segnalare una tendenza definitiva, gli investimenti nel petrolio potrebbero non essere più convenienti ed oggi sicuramente offrono un ritorno economico meno ricco di prima. Ormai sono state sfruttate le risorse più facili da trovare e mettere in produzione. Le energie rinnovabili sono inoltre ormai sviluppate tecnologicamente e rendono il petrolio meno indispensabile.
Crescerà la percentuale di produzione Opec e soprattutto di Iran e Iraq.
Nel prossimo futuro, tra pochi anni o pochi mesi, il declino complessivo dei paesi non Opec provocherà l’aumento della quota di mercato dei paesi Opec che ora producono solo un terzo del petrolio mondiale pur avendo due terzi delle risorse. E tra i paesi Opec aumenteranno la loro quota di mercato soprattutto Iran ed Iraq che hanno insieme il 20% delle riserve accertate e producono oggi solo l’ 8% del petrolio totale. I due paesi, a guida sciita e poco in sintonia con i sauditi,  aumenteranno quindi produzione, entrate economiche ed importanza strategica.L’ Iraq è stato sotto embargo dal 1991 al 2003. L’ Iran è stata oggetto di sanzioni economiche fino all’ accordo sul nucleare voluto da Obama. Negli ultimi 25 anni molte risorse dei due paesi sono state poco sfruttate e in entrambi i paesi ci sono margini di crescita superiori a tutti gli altri produttori mondiali.
Ricordiamo allora le loro possibilità future anche quando seguiamo la politica internazionale, quando i cittadini iracheni e iraniani vengono considerati, a differenza dei sauditi, potenziali terroristi. Ognuno ne tragga le conclusioni che più lo convincono ma non dimentichiamo i dati di questo mio confuso scritto.

 Marco Palombo

Bookmark and Share