Il Lambretta non si sgombera!

12 / 6 / 2014

Volete distruggere le nostre attività? Noi ve le portiamo qui!
Non si può gestire il
patrimonio pubblico con scelte destinate a favorire imprenditori, politici avidi e i capricci di qualche palazzinaro che non sa più dove mettere i soldi da tanti che ne ha guadagnati sulle spalle altrui.
Non si può per anni mangiarsi banchetto dopo banchetto i fondi per la manutenzione delle case popolari e poi dire che non sono abitabili perché malmesse.
Non si può con tale comportamento lasciare migliaia di persone senza case costrette ad occupare per garantirsi questo diritto e abbandonarle nella precarietà più estrema, viste le condizioni dettate dal nuovo Piano casa.
Non si può lasciare altrettanti posti sfitti in balia del degrado, della spaccio, del disagio.

Pensate ad un complesso di villette dal valore storico. Pensate poi a bonificarle dalle siringhe aperte, a cacciare gli spacciatori, a costruire un luogo nuovamente vivo, con progetti, dibattiti, iniziative.
Pensate se questo luogo, per esempio, iniziasse ad ospitare l’Antifa Bull’s Boxe, una palestra attrezzata, organizzata, con due allenamenti di boxe ogni settimana frequentata da persone del quartiere e un corso estivo di yoga tenuto da una signora vicina di casa.
Il Lambretta ha dato la possibilità a molti di riappropriarsi del diritto allo sport e alla socialità evitando i costosi abbonamenti delle palestre milanesi dove lo sport diventa un’attività da benestanti.
Il Lambretta rischia di essere sgomberato da Aler, e un progetto come l’Antifa Bull’s boxe rischia di scomparire.
Proprio per questo, oggi abbiamo deciso di allenarci qui, nella sede di Aler, perchè dal giorno dello sgombero in poi noi non avremo più una palestra dove poterci allenare, come sempre, tutti i martedi e i giovedì sera.
Cara Aler, Oggi come sempre ti siamo venuti a dire che il Lambretta non si sgombera!
Se sgomberi il Lambretta, per svenderlo a chissà quale imprenditore che ignora il valore che questo posto esprime, sgomberi un’opportunità a cui noi ,a differenza tua, non vogliamo rinunciare.
E dato che, a causa tua, non avremo più uno spazio dove allenarci, potremmo tornare ogni martedì e giovedì.
Ma soprattutto cara Aler, sii consapevole di una cosa, tu hai fallito, sotto la puzza di corruzione che emani.

Il Lambretta non si sgombera!!!!

Bookmark and Share

Milano - Lambretta