Francia - "La cultura non è un lusso"

ll Coordinamento degli Intermittenti e dei Precari si mobilita in vista delle manifestazioni del 27 febbraio e 12 marzo in concomitanza con la scadenza del contratto nazionale di protezione sociale dei lavoratori dello spettacolo (*).

24 / 2 / 2014

Dopo essersi invitati il 13 febbraio al Ministero della Cultura, gli intermittenti e precari vogliono fare i conti con Medef, organizzazione degli imprenditori francesi, che ha chiesto la soppressione della protezione sociale, articoli 8 e 10, indennità specifiche per artisti e tecnici dello spettacolo.

Richiesta che lo stesso governo, tramite la ministra della cultura, Aurelie Filippetti, ha definito "provocatoria".

Venerdi 21 febbraio, la polizia è intervenuta per "liberare" i locali di Medef Île-de-France su richiesta del rappresentante del sindacato padronale dopo una giornata di occupazione organizzata dal sindacato CGT Spettacolo e da una cinquantina di attivisti della Coordination des Intermittents et Précaires che chiedevano di interloquire direttamente con il delegato generale degli imprenditori.

Il quale ha rifiutato il dialogo nonché la pubblicazione di un comunicato che ritratta le dichiarazioni fatte in merito al contratto nazionale degli intermittenti dello spettacolo, un miliardo di debito secondo le cifre rese pubbliche da Medef.

Sia sindacati che governo dichiarano invece che la somma reale che differenzia il regime di protezione sociale di artisti e tecnici dello spettacolo dal regime generale del lavoro ammonta a 320 mila euro.

A sostegno della protezione speciale per i lavoratori dello spettacolo c'è un appello (**) firmato da oltre 150 tra registi, attori e figure di rilievo del settore artistico in Francia che difende una visione della cultura alternativa a quella contabile, "migliore antidoto a tutti i razzismi, antisemitismi, comunitarismi e altri concetti retrogradi". Molti dei firmatari hanno partecipato all'affollatissima assemblea generale degli intermittenti e precari organizzata il 17 febbraio al Théâtre du Rond Point sugli Champs Elysées a Parigi.

(*) Filmato che presenta il nuovo modello di protezione sociale proposto dal Coordinamento degli Intermittenti e dei Precari:

http://www.cip-idf.org/article.php3?id_article=1901

(**) http://theatredublog.unblog.fr/2014/02/18/lettre-de-jack-ralite-au-president-de-la-republique/comment-page-1/

http://www.cip-idf.org

Bookmark and Share