Anche a Vicenza migliaia di persone in piazza. Ma le donne vicentine sono da sempre protagoniste

Vicenza: «Mai state zitte»

13 / 2 / 2011

Un corteo lungo, rumoroso e con tante famiglie; cartelli ironici e tanta dignità: “noi non siamo mai state zitte”, è la frase che andava per la maggiore tra le donne protagoniste della mobilitazione del 13 febbraio 2011 a Vicenza. Perché, nella città del Palladio, le donne sono in prima linea da tanti anni, a difendere la propria terra e la democrazia, messa sotto lo scarpone militare da governi che, in questi anni, hanno guardato alla partecipazione come oggi qualcuno guarda al corpo delle tante Ruby di turno.

E così, il centro di Vicenza è tornato ancora una volta a riempirsi per un corteo; non solo donne: in piazza, infatti, c’erano uomini, tante e tanti giovani, bimbi al seguito dei genitori. Una manifestazione trasversale, come quelle che la città berica ha imparato a mettere in scena in tutti questi anni di mobilitazione contro la nuova base militare statunitense.

L’urlo di dignità che si mescola con la creatività di chi il riscatto lo vede nel proprio protagonismo; parlando dell’acqua come bene comune, ricordando le tante donne migranti che soffrono nei centri di permanenza temporanei e quelle che si affannano dietro alle catene di montaggio di Mirafiori. E rivendicando, con uno striscione, lo sciopero generale come strumento con il quale mettere in scena tutta la propria voglia di libertà. In piazza ci sono tutte e tutti coloro che, in questi anni e mesi, hanno parlato il linguaggio dell’alternativa, mobilitandosi per la propria terra piuttosto che per la scuola o il luogo di lavoro.

Sono tornate le donne? Per fortuna, ci sono sempre state; al fianco di altrettanti uomini che parlano di beni comuni e democrazia per opporsi a coloro che vorrebbero mercificazione e crisi permanente. E Vicenza torna a riempirsi di slogan e pentole che richiamano alla mobilitazione: se non ora, quando?

Bookmark and Share

Video 1: la manifestazione a Vicenza

Video 2: l'intervento di Cinzia Bottene [Vicenza Libera NoDalMolin]