No a la Mina - Una battaglia che dura vent'anni

Diario dalla carovana dei “Pueblos contra el Terricidio”.

6 / 2 / 2020

"L'acqua vale più dell’oro" è un’affermazione che senti spesso dire per le strade della Patagonia. Spesso, perché lo puoi vedere affisso fuori da un negozio, lo senti dire in una chiacchierata con qualcuno del posto, lo senti urlare negli slogan delle manifestazioni. 

Sulla strada per Cordovado, dove ci attende il Campamento Climatico, la carovana è passata per Esquel, città simbolo della lotta contro la mina. Qui, la battaglia contro lo sfruttamento minerario è diventata una ragione di vita, la città dove è nato il movimento “No alla miniera” che ha avuto la capacità di moltiplicarsi in tante altre località nel tratto argentino delle Ande. La sua battaglia principale, sebbene non l'unica, è l'opposizione alla miniera a cielo aperto su larga scala (detto megaminería) a causa dei suoi effetti sull’ambiente. Il movimento è iniziato nella città di Esquel, provincia di Chubut, in opposizione al progetto di estrazione dell'oro cianidrico (composto altamente tossico) nelle vicinanze della città e su un importante canale d’acqua.

Camminando per la città non si possono non notare la miriade di murales che rilanciano questo motto, sì, perché sono quasi 20 anni che la cittadina lotta contro la megaminería.

Mapuche Patagonia

Chubut è una provincia vasta, diversificata e meravigliosa. Tuttavia, la sua ricchezza di minerali, come oro, argento e uranio, è diventata oggetto di avidità da parte di aziende multinazionali desiderose di estrarli fino a quando non si esauriscono usando il metodo dell'estrazione su larga scala.

Nel 2002, di fronte al tentativo di sfruttamento del progetto minerario Cordón Esquel, la consapevolezza e il conseguente sforzo per garantire la diffusione degli impatti negativi del mega-mining hanno fatto sì che 17 anni dopo l'opposizione all'attività si estenda a tutta Chubut.

Questa lotta contro le multinazionali minerarie ha portato alla formazione di assemblee locali che convergono nell'Unione delle assemblee delle comunità di Chubut (UACCH).

Dal 2002, la lobby mineraria non ha avuto riposo. Con la complicità dei vari governi del giorno, le compagnie minerarie hanno cercato di ottenere una licenza sociale. Oggi intendono "zonare" la provincia e trasformare l'altopiano in una "zona sacrificale"; ma le assemblee sono già ovunque, dalle piccole città alle città più importanti. Il "No to the Mine" appare su manifesti e murali sia in Comodoro Rivadavia che in Yala Laubat.

Sono molteplici le forme di estrattivismo che invadono l'America Latina lasciando territori devastati.

Le alterazioni che la foresta umida ha subito a causa di questa attività rendono praticamente impossibile per le aree colpite tornare alle loro condizioni iniziali. Ciò è indicato da uno studio dell'Università Nazionale.

L'impatto che le attività minerarie su larga scala hanno sulle foreste è drastico e diventa molto difficile eseguire processi di ripristino a lungo termine, il che mette in discussione la possibilità di recuperare la vegetazione originale. Una perfetta parafrasi di un capitalismo che trasforma l’ambiente in merce e devasta i beni di tutti per il profitto di pochi.   

 

Bookmark and Share