PYONGYANG: A Journey in North Korea by Guy Delisle

Chroniques de Jérusalem (Guy Delisle)

Igort - Pagine Nomadi alla triennale di Milano

Igort presenta "Quaderni ucraini"

Joe Sacco e la sua idea di giornalismo

Joe Sacco Visual Tour

Guy Delisle - Alcune immagini

Igort - Alcune immagini

Joe Sacco - Alcune immagini

Autoanalfabeta University of Utopia: Verba manent, scripta volant

Il faro di Hicksville #01 - Il fumetto di viaggio

Autoanalfabeta incontra Boris Battaglia

13 / 7 / 2013

Boris Battaglia non fa un cazzo da anni. Anni in cui è moderatamente invecchiato. Vive purtroppo a Milano, da cui fugge appena può. Ha due figli, un cane e una cattiva reputazione. Ama e praticava la boxe; il nuoto invece, pur amandolo meno, lo pratica ancora. Colleziona e maneggia coltelli. Non lo stanca mai il camminare. Beve tanto in compagnia di gente poco raccomandabile. Fuma la pipa. Legge e parla di fumetti dal 1972 (anno in cui ancora non sapeva leggere). Ha fondato con otto amici nel lontano 1998 l’unica casa editrice italiana di fumetti veramente seminale: Rasputin! Libri. La casa editrice non esiste più. Lui continua a portare scarponi comodi. Ha una profonda nostalgia dell’Africa. Progetta da anni di tornarci con un lungo viaggio dal Cairo a Citta del Capo a piedi. Avendo sempre gli scarponi comodi, prima o poi parte.

Io Boris l’ho conosciuto di sfuggita, giusto il tempo di un caffè, ad una Lucca Comics & Games di qualche anno fa. Non che non lo conoscessi prima, ché non è che vado alle fiere di fumetto e mi siedo al primo tavolo con uno sconosciuto a bere il caffè. L’ho conosciuto attraverso le parole pubblicate sul suo blog, in una incarnazione precedente a quella online oggi, addirittura ho aiutato lui e il suo – al tempo – socio di scorribande sui fumetti, Paolo Interdonato aka Sparidinchiostro ad impaginare il numero 2 di uno spregiudicato tentativo di realizzare una fanzine sui fumetti, Nubi. Oggi di Nubi non esiste quasi più traccia in rete, tranne qualche link ad un blog che non esiste più, dei pdf irrintracciabili nelle grandi maglie del web.

È fatta così, la rete, tante cose che c’erano e oggi non ci sono più. Chi ha avuto un blog su splinder o una mail su lycos capisce perfettamente cosa intendo.

I fumetti si guardano, non si leggono” è una delle frasi caratteristiche di Boris, che tante polemiche gli ha creato al tempo che le polemiche si facevano sui blog e non sui profili Facebook. Gli ho chiesto conto di questa frase, oggi, mille anni dopo, ma quella parte di intervista la rimando ad un futuro prossimo, che col tema di questa prima puntata c'entra poco. Perché Il faro di Hicksville esordisce parlando di fumetto come diario di viaggio, cogliendo l’occasione della collana Graphic Journalism curata da Rizzoli Lizard e distribuita come allegato al Corriere della Sera, che a dispetto del suo titolo ne sta pubblicando un bel po’, di diari di viaggio a fumetti (ma anche di noir, di biografie, di romanzi storici…).

Guy Delisle al G20Ne parliamo chiedendoci perché a tutti piace Guy Delisle, se vedere la Palestina con i suoi occhi o con quelli di Joe Sacco è la stessa cosa. E poi i Quaderni Ucraini di Igort, che è un modo ancora diverso di affrontare un argomento, questa volta un autore già fatto e finito che sperimenta col graphic journalism (“il graphic journalism non esiste”, sentenzierà Boris leggendo questo testo) e si abbandona al racconto di quello che vede in terra straniera.

Eravamo a quel caffè a Lucca Comics & Games, tanti anni fa. E pensavo che era bello che ci fosse qualcuno che scrivesse di fumetti con linguaggio accademico senza esserlo, accademico. Che negli articoli di Boris ci leggi sì di fumetti, ma solo se vai a fondo e se cogli i riferimenti, perché i fumetti sono nel nostro mondo e allora per parlarne è inevitabile che il tema si attorcigli indistricabilmente con la politica, la letteratura, la scienza, l’antropologia e le scienze sociali. Poi ecco, c’è da dire che Boris non le manda mai a dire, e per questo la simpatia è scattata subito.

Se questa è una università (di Utopia, mica di Lettere qualunque), allora ho ritenuto giusto che a introdurre il corso dedicato al "linguaggio" (ma è ancora corretto definirlo un linguaggio? O non una “Calligrafia”? Un insieme di elementi grammaticali comuni – vignette, nuvolette, onomatopee – ricombinati in linguaggi sempre diversi, tanti per ogni autore al mondo?) del fumetto potesse essere un autoanalfabeta ante-litteram, quando ancora li chiamavamo autodidatti.

Per cui tutti seduti al vostro posto, comincia il primo corso di Fumetto presso l’University of Utopia: Boris Battaglia non fa un cazzo, ma di fumetti e cose del mondo ne sa a pacchi, ha una sua opinione su tutto, non sempre condivisibile ma sempre interessante e motivata.

Nulla di meglio per cominciare ad autoanalfabetizzarci da tutto ciò che pensiamo di sapere dei fumetti.

Benvenuti.

C.C. 


Autoanalfabeta - LogoAutoanalfabeta University of Utopia – a cura di Lello Voce con Claudio Calia, Gabriele Frasca, Luigi Nacci, Gianmaria Nerli, Massimo Rizzante // in Redazione: Lucia Tundo (testi e ricerche web), Mattia Barbirato (video e montaggio). Il Logo di Autoanalfabeta University of Utopia è di Fabrizio Urettini // La sigla video è di Mattia ‘Kollo’ Ceron // Soundtrack: Demetrio Stratos, O Tzitziras O Mitziras (1978). Autoanalfabeta è una produzione Globalproject.info
Ci trovi anche su Facebook

P. S.: questo post è un rizoma, è esteso, aiutaci anche tu a renderlo sempre più ricco suggerendoci link e materiali nei commenti al nostro trehad dedicato a questo post sulla nostra pagina Facebook.
Sei libero di consultare questo post come credi e se sei un integralista dell’alfabeto certo inizierai dallo scritto. Noi ti suggeriamo di iniziare a percorrere questo spazio ad iniziare dai video. In ogni caso ricorda che il testo di questo post ha integrato una serie di link ipertestuali che ne fanno parte a pieno titolo. In realtà non lo avrai letto del tutto prima di aver consultato anche i suoi link – no books allowed in this area ;-)

Bookmark and Share