Autoanalfabeta University of Utopia: Verba manent, scripta volant

Il faro di Hicksville #02 - I fumetti non si leggono

Autoanalfabeta incontra Boris Battaglia

26 / 7 / 2013

Boris Battaglia non fa un cazzo da anni. Anni in cui è moderatamente invecchiato. Vive purtroppo a Milano, da cui fugge appena può. Ha due figli, un cane e una cattiva reputazione. Ama e praticava la boxe; il nuoto invece, pur amandolo meno, lo pratica ancora. Colleziona e maneggia coltelli. Non lo stanca mai il camminare. Beve tanto in compagnia di gente poco raccomandabile. Fuma la pipa. Legge e parla di fumetti dal 1972 (anno in cui ancora non sapeva leggere). Ha fondato con otto amici nel lontano 1998 l’unica casa editrice italiana di fumetti veramente seminale: Rasputin! Libri. La casa editrice non esiste più. Lui continua a portare scarponi comodi. Ha una profonda nostalgia dell’Africa. Progetta da anni di tornarci con un lungo viaggio dal Cairo a Citta del Capo a piedi. Avendo sempre gli scarponi comodi, prima o poi parte.

Seppur dotato di sonoro, quando andiamo al cinema diciamo che andiamo a "vedere" un film, non ad ascoltarlo. Quando affrontiamo un fumetto, diciamo che lo "leggiamo". Ma è davvero così? Eppure, sia un film che un fumetto, raramente li giudichiamo per quello che abbiamo ascoltato o letto: addirittura i fumetti che non conosciamo li selezioniamo sfogliandoli, ovvero "guardandoli", non "leggendoli"; questo ancora di più avviene con la selezione degli autori per un fumetto popolare (dove chi scrive e chi disegna sovente non coincidono), spesso attraverso l'esame del book dei disegni, da cui già senza parole o senza storie è possibile valutare l'abilità nel raccontare.

"I fumetti si guardano, non si leggono" è il primo assioma di Boris Battaglia. Cui segue "nè prima scritto nè poi disegnato". Cui segue ancora "meglio ladro che critico di fumetti". Tre slogan che sono un'identità, un'idea di fumetto quasi fuori dai tempi, soprattutto in questi, di tempi. La data stessa della nascita di questa grammatica è spesso sovrapposta a quella della sua diffusione industriale, quasi il cinematografo non fosse stato inventato prima del suo sviluppo industriale e facessimo risalire la sua origine al primo biglietto strappato, o la poesia nascesse in concomitanza con la prima riproduzione in più copie di un testo.

Purtroppo non ho trovato, in questa prima occasione, sponda in Boris per parlare di performance di fumetto, altro tema che starà a cuore a questa rubrica dell'University of Utopia. Giusto il reading de LMDM di Gipi e una considerazione sull'esposizione pubblica di un momento privato, ma con la promessa di rivedersi sull'argomento.

Invece è bastato accennare al fumetto "guardato" per spaziare da Carlos Gimenez a Bleu di Lewis Trondheim, dall'immancabile Andrea Pazienza al Reinhard Kleist di Castro, fino alla scrittura grafica di Gianluca Costantini. Libri e autori a volte famosi a volte dannatamente sconosciuti, uniti da una ricerca comune nei dintorni del fumetto inteso come graphein, che sia testo disegnato o disegno scritto.

Non mi resta che augurarvi buoni ascolti, buone visioni, buoni spunti: questo testo, insufficiente e approssimativo, è solo il punto di partenza nello scorrere materiali potenti, che parlano e raccontano più di quanto un racconto in forma testuale può lasciare intendere sulla magia del fumetto.

Ci rivediamo sul faro a settembre, quando riprenderanno i corsi di fumetto presso Autoanalfabeta University of Utopia, dove non si impara niente se non a guardare i fumetti anche da altri, necessari, punti di vista.

C.C. 


Autoanalfabeta - LogoAutoanalfabeta University of Utopia – a cura di Lello Voce con Claudio Calia, Gabriele Frasca, Luigi Nacci, Gianmaria Nerli, Massimo Rizzante // in Redazione: Lucia Tundo (testi e ricerche web), Mattia Barbirato (video e montaggio). Il Logo di Autoanalfabeta University of Utopia è di Fabrizio Urettini // La sigla video è di Mattia ‘Kollo’ Ceron // Soundtrack: Demetrio Stratos, O Tzitziras O Mitziras (1978). Autoanalfabeta è una produzione Globalproject.info
Ci trovi anche su Facebook

P. S.: questo post è un rizoma, è esteso, aiutaci anche tu a renderlo sempre più ricco suggerendoci link e materiali nei commenti al nostro trehad dedicato a questo post sulla nostra pagina Facebook.
Sei libero di consultare questo post come credi e se sei un integralista dell’alfabeto certo inizierai dallo scritto. Noi ti suggeriamo di iniziare a percorrere questo spazio ad iniziare dai video. In ogni caso ricorda che il testo di questo post ha integrato una serie di link ipertestuali che ne fanno parte a pieno titolo. In realtà non lo avrai letto del tutto prima di aver consultato anche i suoi link – no books allowed in this area ;-)

Bookmark and Share

Gipi - La mia vita disegnata male

Blu, di Lewis Trondheim

Graphic Journalism - Tra cronaca e fiction. Reinhard Kleist

Antistoria Fumetto Italiano - La Rivoluzione Interrotta di Andrea Pazienza

Paracuellos - Carlos Gimenez

El indio - Gianluca Costantini