La vittoria di Xiomara Castro e la possibile discontinuità politica in Honduras

Intervista a David Vivar, membro della commissione di transizione del nuovo governo e Coordinatore Accademico della Facoltà Latinoamericana di Scienze Sociali della Universidad Autonoma de Honduras.

24 / 12 / 2021

Le elezioni generali dello scorso 28 novembre in Honduras hanno visto trionfare Xiomara Castro, moglie di Manuel Zelaya, presidente social-democratico del paese deposto da un colpo di stato militare eseguito co il beneplacito degli Stati Uniti. Dopo dieci anni da quegli eventi (qui di seguito un’intervista realizzata esattamente due anni fa nei dieci anni esatti dal colpo-di stato per Globalproject.info) Castro ha letteralmente conquistato l’elettorato del paese diventando la prima donna a salire alla presidenza del Paese, nelle elezioni più partecipate della storia honduregna. 

Il programma di Xiomara Castro è sulla carta progressista, guarda al sociale e di fatto può rappresentare una svolta rispetto ai governi in cui l’hanno fatta da padrone le regole d’oro del neoliberismo, di sfruttamento delle risorse naturali da parte delle multinazionali, di sperequazione e attacco ai diritti sociali, di ingiustizie perpetuate dalle zone d’ombra del governo in cui il narcotraffico e la polizia corrotta hanno tenuto in scacco la vita dell’intero Honduras. 

Per capire meglio cosa è accaduto durante le elezioni che hanno registrato la vittoria di Castro, di seguito un’intervista a David Vivar, membro della commissione di transizione del nuovo governo e Coordinatore Accademico della Facoltà Latinoamericana di Scienze Sociali della Universidad Autonoma de Honduras.

Quali sono i motivi che hanno portato alla sorprendente vittoria di Xiomara Castro, candidata di Libre, moglie dell’ex presidente Zelaya? Chi l’ha votata e perché? Quali le sue proposte politiche di tipo più sociale?

Dopo il colpo di stato nel 2009, gli Stati Uniti hanno sostenuto le controverse elezioni che hanno portato al potere il Partito Nazionale di Hernández. Nel 2017 gli Stati Uniti sono accusati di rimanere in silenzio di fronte alla crisi politica scoppiata in Honduras quando l'opposizione ha denunciato i brogli nella rielezione di Hernández e più di 20 persone sono state uccise negli scontri tra poliziotti e manifestanti.

Gli ultimi 12 anni del governo conservatore (ed anche molto autoritario) in Honduras sono stati segnati da scandali di corruzione e traffico di droga che hanno coinvolto il presidente uscente Juan Orlando Hernández e alcuni dei suoi collaboratori. Il fratello (Tony) del presidente Hernández è stato identificato dai pubblici ministeri statunitensi come un co-cospiratore durante un processo per traffico di droga e condannato all'ergastolo lo scorso marzo a New York.

Hernández è sopravvissuto (tramite Donald Trump) come alleato di Washington sulle questioni di migrazione, sicurezza, sul supporto a Israele, Taiwan e anche al conservatore Gruppo di Lima.  Ma l’amministrazione Biden ha raffreddato il supporto di Washington. L’Unione Europea, e anche gli Stati Uniti, hanno inviato importanti delegazioni per evitare nuove frodi elettorali.

La Castro ha cercato, durante la sua campagna, di unificare l’opposizione contro il governo del presidente uscente. Lo scontento del popolo honduregno non era dovuto solo al traffico di droga e alla criminalità transnazionale, ma anche alla corruzione del governo, compresa l'appropriazione indebita di risorse pubbliche destinate agli aiuti per i disastri lasciati dall'uragano Iota, la risposta al COVID e le iniziative per combattere la povertà. Anche un settore di industriali colpiti dalle politiche neoliberiste si è unito all'alleanza guidata da Libre e ha contribuito in particolare al successo di Salvador Nasralla già eletto vicepresidente. Questo accordo ha assicurato la comoda vittoria di Xiomara Castro, che si è presentata alla presidenza con una formula di sostegno politico diversificata rispetto a quella del 2017. Una strategia che si è rivelata superiore, considerando che gran parte dei sondaggi avevano confermato il suo status di favorita rispetto agli altri contendenti in un clima di polarizzazione elettorale.

La sua clamorosa vittoria rappresenta il rifiuto del partito al governo e del presidente uscente Juan Orlando Hernández. Ecco perché la sua vittoria è stata così schiacciante.

Quali sono le politiche che potranno essere portate avanti dalla Castro? E quali potrebbero essere le reazione dell’élite del paese, che ha sempre sposato politiche neoliberiste e imperialiste filo-statiunitensi?

Xiomara Castro riceve un Paese saccheggiato, fortemente indebitato, minato dal narcotraffico e dall'insicurezza, con la giustizia istituzionale al servizio dell'oligarchia.

Il nuovo governo avrà bisogno di una vera e propria cintura politica popolare, di una mobilitazione di massa e una calda solidarietà internazionale per raggiungere l'inclusione, la giustizia sociale e ambientale, oltre che la difesa della sovranità che ha promesso.

Di seguito ecco alcuni dei punti chiave della sua agenda politica per l’Honduras:

- Ripristino delle iniziative anticorruzione

Prima di tutto, la Castro dovrà ottenere le risorse e il supporto necessario per smantellare le strutture criminali profondamente radicate stabilite dai funzionari del Partito Nazionale e dai gruppi criminali nell'ultimo decennio, spesso con l'appoggio di forze di sicurezza corrotte.

Castro ha anche promesso di ristabilire una commissione anticorruzione regionale che è stata smantellata sotto la custodia di Hernández. La chiusura della MACCIH è avvenuta all'inizio del 2020, quando il governo honduregno non ha raggiunto un accordo con l'Organizzazione degli Stati americani per rinnovare il proprio mandato.

Nonostante molti ostacoli, tra cui finanziamenti e ingerenza del Congresso, la MACCIH era riuscita ad aprire diversi casi importanti, come quello dell'ex first lady Rosa Elen Bonilla de Lobo, moglie dell'ex presidente Lobo, condannata con l'accusa di frode e appropriazione indebita.

Era però evidente che i giorni della commissione erano contati quando è stata bersaglio di fulminanti attacchi delle élite politiche ed economiche del Paese, che l'hanno additata di aver ecceduto i suoi poteri. Alcune di quelle stesse élite, inclusi diversi legislatori, avevano indagini aperte presso l'Ufficio del Procuratore Generale, con l'aiuto del MACCIH. Anche le decisioni dei tribunali hanno favorito la corruzione. Ad esempio, la condanna a carico della first lady è stata ribaltata dalla Corte Suprema dell'Honduras. Una corte d'appello ha chiuso un processo in cui erano coinvolti diversi dipendenti pubblici accusati nel caso Pandora, una colossale rete di corruzione attraverso la quale milioni di dollari sono stati sottratti alle casse pubbliche per scopi politici. Molti dei funzionari coinvolti appartenevano al Partito Nazionale e diverse organizzazioni fittizie senza scopo di lucro utilizzate nel capannone avevano legami con la famiglia del presidente Hernández.

I legislatori hanno approvato controverse modifiche al Codice penale che hanno ridotto le pene detentive per corruzione e traffico di droga e pongono ostacoli all'apertura di processi per riciclaggio.

- Demilitarizzazione della pubblica sicurezza

La priorità di Castro non é combattere le bande del paese, ma controllare la militarizzazione dei compiti di polizia e le politiche di sicurezza repressive. Castro ha promesso di promuovere iniziative di polizia di comunità, che avrebbero un "rapporto più orizzontale e di fiducia con la popolazione".

Secondo le cronache l’Honduras è stato uno dei paesi più colpiti dalla pandemia del Covid-19. Quale era lo stato della sanità nel paese prima della crisi? Quali sono invece le politiche adottate dal presidente Hernandez, e quali le loro maggiori criticità?

Non è stato difficile per Castro prendere le distanze dal Partito Nazionale, con il suo uso improprio delle risorse pubbliche, lo smantellamento delle iniziative anticorruzione e le riforme istituzionali che hanno preservato l'impunità diffusa.

Uno degli esempi di politica più offensivi nei confronti del popolo honduregno si è verificato proprio durante la pandemia di coronavirus, quando i direttori dell'ente governativo incaricato dell'acquisto di forniture mediche di emergenza sono stati accusati di ottenere profitti illegali nell'acquisto di sette ospedali mobili per 47 milioni di dollari. Cinque di quegli ospedali non hanno mai aperto.  Ma questo era già capitato nel 2015, quando almeno 330 milioni di dollari sono stati sottratti all'Honduran Social Security Institute (IHSS) attraverso una rete di società fasulle, il cui schema di corruzione ha portato alla morte di pazienti che hanno ricevuto farmaci contaminati e cure inadeguate. Di tale importo, due milioni sono andati al direttore dell'IHSS e il denaro sottratto ha persino raggiunto i fondi della campagna elettorale del presidente Juan Orlando Hernández.

In generale, considerando la crisi pandemica ed i due uragani Eta e Iota nello scorso anno sul paese, quali sono le risposte sociali maggiori a cui dare risposta?

Castro rappresenta una rottura nella politica tradizionale honduregna. La sua imponente leadership in quelle che finora sono state elezioni per lo più pacifiche sembrava anche un rinvio all'ondata di autoritarismo che ha investito l'America centrale. Ha promesso di ricostruire la democrazia indebolita del paese e di integrare tutti i settori della società honduregna per riformare uno stato che ha servito gli interessi di un piccolo gruppo di élite sin dai tempi del colonialismo.

Le promesse di Castro di ridurre la disuguaglianza e abbassare il costo della vita non saranno facili da mantenere a causa del pesante fardello del debito lasciato dal governo Hernández.

Bookmark and Share