Stati Uniti - Il successo dello sciopero alla Wal-Mart

Il Walmart's Black Friday Strikes è stato un successo mostrando nuove possibilità di organizzazione e azione anche per i lavoratori delle grandi catene di distribuzione e dei servizi di logistica negli Stati Uniti e non solo.

2 / 12 / 2013

Venerdì scorso negli Stati Uniti si è svolto il “Black Friday”', il giorno con gli sconti più bassi dell'anno, ma è stato anche un giorno buio per la Wal-Mart, il più grande datore di lavoro del paese. In migliaia hanno scioperato e si sono radunati fuori dai magazzini Wal-Mart in tutti gli Stati Uniti e in nove città 111 manifestanti sono stati arrestati per aver bloccato le strade e gli accessi ai negozi . Queste azioni sono la risultante di un lungo conflitto in corso tra la Wal-Mart e i lavoratori che hanno fondato l’ Organisation United for Respect at Walmart, OUR/Walmart ( il Nostro Wal-Mart )

La Wal-Mart è stata sempre estremamente ostile alla sindacalizzazione dei suoi lavoratori, e questa ostilità nel tempo ha portato ad una innovazione nelle tattiche anti-sindacali . I lavoratori della Wal-Mart hanno saputo riorganizzarsi di fronte a questo attacco. Lo sciopero di venerdì è la continuazione di una mobilitazione che ha avuto inizio il “Black Friday”' dello scorso anno, quando oltre 400 lavoratori abbandonarono il lavoro e si unirono ai 30.000 che manifestavano in 47 Stati contro la giornata dedicata al consumo.

Questa prima protesta ha avuto delle conseguenze molto dure per i lavoratori, provvedimenti disciplinari e licenziamenti, ma da quella che poteva essere una pesante sconfitta è nata una capacità di organizzazione e mobilitazione nuova. Una mobilitazione che potrebbe coinvolgere ora tutto il settore della logistica e dei servizi e suggerisce che i picchetti, le azioni dirette e gli scioperi attivi di venerdì, tra l’altro coordinati in rete e resi più visibili tramite i social network, potrebbero rappresentare un nuovo inizio per i lavoratori e i precari organizzati degli Stati Uniti, connettendosi così a vertenze simili in altri paesi.

Le azioni di venerdì sono l’apice di un conflitto lungo un anno che ha visto almeno altri due momenti di protesta e organizzazione significativi: a giugno circa 100 lavoratori hanno scioperato per due settimane durante le quali hanno intrapreso un viaggio in autobus attraverso gli Stati Uniti, simile a quello dei "Freedom Riders " del movimento dei diritti civili, terminato con una protesta davanti alla sede generale della Wal-Mart. L’azienda ha risposto a questa iniziativa con cinquanta provvedimenti disciplinari e licenziando, illegalmente, altri venti attivisti, azione per la quale ora è in atto un indagine federale per violazione da parte di Wal-Mart degli statuti e delle leggi degli Stati Uniti in materia di lavoro. OUR/Walmart rispose all’intimidazione il 5 settembre con manifestazioni e azioni dirette in 15 città, che portarono a oltre 100 arresti, ma bloccarono molti importanti negozi .

Questo tipo mobilitazione ha richiesto al movimento sindacale di innovarsi e di adattarsi al contesto attuale, in cui le pratiche del sindacalismo tradizionale sembravano essere poco adatte. In questa direzione si è mossa la United Food and Commercial Workers International Union (UFCW) che invece di cercare di reclutare i lavoratori Walmart ha deciso di supportare OUR/Walmart che è un'associazione di lavoratori piuttosto che un sindacato e quindi non deve tenere le elezioni di rappresentanza o partecipare alla contrattazione collettiva. OUR/Walmart invece cerca di forzare i cambiamenti all’interno dell’azienda, aumento di stipendio minimo, fine delle diffuse forme di precarietà e dei comportamenti antisindacali, attraverso il danno simbolico causato da un'azione diretta diffusa e partecipata.

Dobbiamo cercare modi nuovi e differenti di organizzarci. Non possiamo dipendere dalle sole rappresentanze sindacali e dobbiamo trovare un modo agire su scala più grande; la nostra non deve essere necessariamente un azione di sola sindacalizzazione perché dobbiamo guardare le cose in modo diverso, perché stiamo vivendo in tempi diversi” dicono i rappresentanti della UFCW. "Molte organizzazioni sindacali tradizionali si basano sulla difesa del contratto, del lavoro e attraverso le garanzie contrattuali e legali” continuano “noi spingiamo molto di più su iniziative di azione diretta, senza aspettare l’intervento o il riconoscimento da parte della legge delle violazioni o dei comportamenti scorretti, come è accaduto nel caso di OUR/Walmart che è un associazione di lavoratori e non un sindacato e coinvolge molti lavoratori precari”.

“Queste nuove forme di azione diretta incentrata sulla mobilitazione attiva dei lavoratori sono state facilitate anche dai socialmedia, in particolare Facebook e YouTube, che hanno contribuito alla diffusione della protesta” raccontano gli attivisti di OUR/Walmart. “Facebook ci ha permesso di condividere con altri le informazioni e i modi di protestare così da imparare gli uni dagli altri. Abbiamo potuto raggiungere persone che nel loro posto di lavoro sono più isolate per tempi e modalità di lavoro ma in grado di connettersi con una rete più ampia, geograficamente dispersa, di altri lavoratori che subiscono le stesse ingiustizie”.

Wal-Mart è una rete capillare ma con singoli negozi e c’è la necessità di far percepire a ogni singolo lavoratore di come i problemi e le ingiustizie non sono circoscritte al proprio negozio, che la mobilitazione è ampia e reale e che non si è soli nel sentimento di indignazione contro il datore di lavoro” continuano gli attivisti. “Inoltre, il numero di chi condivide le informazioni e le fa girare è più grande rispetto ai piccoli gruppi dei nostri iscritti nei vari negozi Wal-Mart, una minoranza anche nei magazzini più grandi, a causa della paura di ritorsioni e delle politiche antisindacali della azienda”.

Con YouTube possiamo mostrare ai lavoratori i video delle azioni e gli interventi di coloro che pubblicamente hanno preso voce, creando una rete di identità collettiva e tutelando da ritorsioni i singoli attivisti. La multimedialità e gli strumenti online ci hanno permesso anche l'inclusione nel processo decisionale dei lavoratori e la possibilità di fare formazione sindacale e dare sostegno legale per i membri situati in città molto lontane tra loro” concludono gli attivisti.

Se questo lavoro di organizzazione collettiva è stato possibile dentro un luogo di lavoro difficile e ostile come Wal-Mart, allora è possibile costruire processi in grado di organizzare con successo settori poco qualificati e sindacalizzati come quelli dei servizio e della logistica che sono cresciuti così velocemente negli ultimi tre decenni negli Stati Uniti”. Questo è il messaggio e l’auspicio di chi ha organizzato le recenti mobilitazioni.

Lo sciopero Walmart's Black Friday Strikes sostenuto da forme di azione diretta condivisa e allargata attraverso le reti dei socialmedia possono essere i primi segni della luce di una nuova alba per chi vuole organizzare i lavoratori e i precari coinvolti e impegnati nei processi di circolazioni delle merci negli Stati Uniti e nei paesi delle economie avanzate” concludono “Abbiamo dimostrato che organizzarsi è possibile, la nostra lotta continua ! ”

Fonti:

http://www.opendemocracy.net/

http://www.thenation.com/

Bookmark and Share