Diritti, armi, ingiustizie, guerra:uno sguardo sugli Stati Uniti. Intervista a Andrew Ross

30 / 6 / 2022

Per comprendere la situazione politica e sociale negli Stati Uniti attorno ad alcuni nodi cruciali della fase contemporanea, Marco Baravalle ha intervistato Andrew Ross, attivista e professore di Analisi sociale e culturale alla NYU. Collaboratore del Guardian, del New York Times, di The Nation, di Artforum, di Jacobin, della London Review of Books e di Al Jazeera, è autore o curatore di 25 libri e di oltre 250 articoli su un'ampia varietà di argomenti: lavoro, urbanistica, politica, tecnologia, giustizia ambientale, economia alternativa, musica, cinema, televisione, arte, architettura e poesia. Politicamente attivo in molti movimenti, è cofondatore di diversi gruppi - Gulf Labor Artists Coalition, Global Ultra Luxury Faction, Coalition for Fair Labor, Occupy Student Debt Campaign, Strike Debt, the Debt Collective e Decolonize This Place - e organizzatore di altri, tra cui l'American Association of University Professors e l'US Academic and Cultural Boycott of Israel.  In Italia, è stato tradotto il suo saggio Creditocrazia (Ombre Corte, 2015).

Cominciamo dalle notizie più recenti. Il 24 giugno la Corte Suprema si è pronunciata per l'abolizione del diritto costituzionale all'aborto. Fortunatamente la decisione è stata seguita da partecipate mobilitazioni femministe a New York, Washington DC e non solo. Come siamo arrivati a questo punto e quali scenari si aprono davanti a noi?

La decisione è stata il culmine di diversi decenni di organizzazione sorprendentemente efficace a destra. Non c'è nulla di paragonabile a sinistra, con l'eccezione, probabilmente, dell'ondata organizzativa della CIO nei luoghi di lavoro durante gli anni '30, o dello stesso movimento per i diritti civili. L'aborto è stato sfruttato come tema efficace per legare i gruppi cristiani, in particolare le tendenze evangeliche, al mainstream conservatore. La nuova destra è stata forgiata nel crogiolo di questa coalizione e ha trasformato l'obiettivo di rovesciare la Roe v Wade in una crociata. I cristiani che hanno sostenuto Trump e una lunga serie di altri opportunisti, cleptocrati e "peccatori" cronici, sono stati persuasi a tapparsi il naso e votare per questi mostri solo per rovesciare la sentenza Roe. Le élite finanziarie hanno accettato e hanno fornito finanziamenti, dove necessario, perché in cambio hanno ottenuto una fetta così importante della torta della redistribuzione. E la campagna è stata condotta a tutti i livelli, dai consigli scolastici locali alle legislature statali, fino alla Corte Suprema. Ci sono quindi molte lezioni per la sinistra, che negli Stati Uniti è stata a lungo riluttante a contemplare il potere e a "pensare come lo Stato". La più rivelatrice è forse la bancarotta del Partito Democratico, che per decenni ha chiesto fiducia e denaro in cambio della garanzia che la Roe non cadesse. Quindi l'esito della decisione della SCOTUS (Corte Suprema degli Stati Uniti) dovrebbe essere più determinante per l'immagine di sé dei liberali che per quella dei conservatori.

Recentemente abbiamo assistito a una recrudescenza delle sparatorie di massa, a volte perpetrate in nome del razzismo e della supremazia bianca (vedi il caso di Buffalo), a volte apparentemente inspiegabili (vedi Uvalde), come sfoghi di un profondo disturbo psicologico nazionale. Come interpreti questi tragici avvenimenti dal punto di vista sociale? Pensi che le istituzioni stiano facendo abbastanza sul terreno del controllo delle armi?

Gli Stati Uniti sono uno Stato guerriero molto avanzato. Un'enorme porzione del suo surplus pubblico alimenta la sua macchina militare in tutto il mondo, la sua produzione mediatica è dominata da film e spettacoli televisivi che presentano la violenza armata e ha una cittadinanza pesantemente armata. Non c'è da sorprendersi che si verifichino sparatorie di massa, poiché esse non sono affatto estranee al tempo, all'energia, alle risorse e allo spazio mentale dedicati al complesso militare industriale. In un Paese coloniale con un passato molto violento, ancora una volta non sorprende, anche se è molto inquietante, vedere attentatori e vigilanti invocare la retorica e l'ideologia dell'etero-nazionalismo bianco. E, proprio come nel caso dell'aborto, la destra è riuscita a trasformare il diritto alle armi in una questione fondamentalista. D'altra parte, c'è l'opinione, popolare tra settori della sinistra, che la gente comune debba essere armata perché la polizia è così pesantemente militarizzata. Se si toglie alla popolazione l'opzione dell'autodifesa armata, a questo punto potremmo avere un vero e proprio stato di polizia. E mentre la prospettiva di un fascismo americano sembra avvicinarsi - l'America corporativa non è ancora a bordo, ma le élite industriali sono di solito le ultime ad allinearsi con il potere statale fascista - mi aspetto che il vangelo della sinistra della non-violenza sia sempre più soggetto a revisione e che si debba adottare quella che i movimenti chiamano "diversità di tattiche".

Il 6 gennaio 2021 il mondo ha assistito all'assalto di Capitol Hill. Nonostante l'immagine a tratti clownesca, ha dimostrato come Donald Trump può contare su una base sociale radicale in cui i gruppi organizzati dell'alt-right lavorano come vere e proprie avanguardie. Ma questi gruppi non sono certo gli unici sostenitori dell'ex presidente. Il prossimo novembre sono previste le elezioni di midterm. Come vedi la situazione?

Non credo che Trump sarà mai rieletto, almeno con le normali operazioni di voto. Ma i suoi sostenitori hanno fatto capire che intendono far salire al potere, negli Stati chiave, funzionari in grado di aggirare o manipolare il voto popolare. Così il potere potrebbe essere conquistato senza assaltare il Campidoglio; ci sono già parti di questa strategia che sono state attuate attraverso brogli e la creazione di condizioni che limitano la capacità dei votanti neri di esercitare il loro diritto di voto. De Santis, il governatore della Florida, è un tipo più pericoloso di Trump. Molto più intelligente, più efficiente e meglio organizzato, è unilateralmente concentrato sulla presa del potere per sviluppare politiche di estrema destra. Detto questo, il più grande cambiamento nel pensiero e nell'azione della sinistra nell'ultimo decennio è stata l'ascesa del DSA (Democratic Socialists of America) e la sua capacità di spingere i socialisti in carica. Non avrei mai pensato di vedere socialisti eletti al Congresso e nelle legislature statali, e addirittura un candidato socialista, Bernie Sanders, la cui corsa alla Casa Bianca deve essere spietatamente interrotta dai Democratici corporativi. Ora, quindi, è in atto una battaglia per il potere e l'influenza all'interno del partito, perché c'è un vero e proprio radicamento della sinistra tra gli eletti. Allo stesso modo, parte dell'energia che è stata impiegata nell'organizzazione autonoma, anarchica o antistatalista - fiorita durante Occupy - è stata reincanalata verso queste iniziative elettorali.

L'altro grande sviluppo che vedo in questo momento è che la Fed, in comune con altre banche centrali del Nord globale, sta architettando una recessione, aumentando i tassi di interesse e invitando a un nuovo ciclo di misure di austerità. Questo è già successo negli anni '70, quando la Fed ha usato l'inflazione come scusa per disciplinare la classe operaia. Durante la pandemia, abbiamo assistito a una tendenza anti-lavoro, a un'ondata di sindacalizzazione e a un forte aumento del salario minimo, quindi questa nuova recessione può essere vista come una risposta repressiva a questi progressi. Una dura recessione è sempre un terreno fertile per il reclutamento di estremisti, e questa volta la destra radicale è nella posizione migliore per trarne vantaggio.

Una domanda su New York. Il 2020 è stato l'anno in cui la pandemia ha colpito, ma allo stesso tempo è stato l'anno della terza ondata di mobilitazioni di Black Lives Matter. Quelle manifestazioni erano una risposta alla brutalità della polizia, indicavano la supremazia bianca come uno dei problemi strutturali degli Stati Uniti e portavano avanti rivendicazioni abolizioniste e decoloniali. Io sono arrivato a New York all'inizio del 2022 e la situazione sembrava totalmente cambiata, non solo perché sono atterrato durante il picco di Omicron, ma anche perché Eric Adams era appena stato eletto nuovo sindaco. Afroamericano ed ex poliziotto, ha immediatamente puntato su una retorica di "law and order”, esprimendosi a favore del rifinanziamento della polizia. Il tutto in una città che si dipingeva come preoccupata per la recrudescenza della criminalità. Black Lives Matter sembra allontanarsi nello specchietto retrovisore…

La mobilitazione del BLM successiva al caso George Floyd è stata massiccia e senza precedenti, non solo a New York, ovviamente, ma in tutto il Paese e all'estero. Anche le piccole comunità di periferia hanno visto marce e raduni. L'impatto è stato avvertito soprattutto nelle istituzioni culturali ed educative di livello superiore, che hanno assistito a una resa dei conti con la questione razziale, attesa da tempo. Altrove, l'impatto è più diffuso, soprattutto a causa del contraccolpo che ci si aspettava, anche nel sistema scolastico secondario. Negli Stati Uniti non c'è niente di più certo del contraccolpo che segue ogni avanzamento dei diritti dei neri e della “people of color”. Così l'ascesa  pubblica dell'etero-nazionalismo bianco e la richiesta di "rifinanziare la polizia" hanno avuto il loro prevedibile, ma deprimente tributo. Molti agenti di polizia si sono dimessi negli anni successivi a George Floyd, ma la corsa bipartisan per sostenere e aumentare i bilanci operativi delle forze dell’ordine è stata mozzafiato. A New York è facile vedere che i poliziotti hanno ritrovato la loro spavalderia e, a livello nazionale, il tasso di uccisioni da parte della polizia non è affatto diminuito. Con i progressi dell'informatica, la rete di sorveglianza aumenta di settimana in settimana, con conseguenze disastrose per le libertà civili.

Una nota positiva: puoi parlarci del Debt Collective? Un'organizzazione in cui sei direttamente coinvolto. Il suo obiettivo è abolire il debito dei prestiti studenteschi per milioni di persone... E questo risultato storico sembra quasi a portata di mano.

La nostra storia è iniziata a Occupy con la Campagna Occupy Student Debt, è proseguita con Strike Debt, un gruppo che le è succeduto, e dal 2014, è evoluta nel Debt Collective, che noi chiamiamo il primo sindacato dei debitori. Nel 2011, le nostre richieste di un giubileo del debito e di un'università senza tasse erano considerate piuttosto marginali e stravaganti. Tuttavia, nel corso di dieci anni siamo riusciti a portare queste richieste nel mainstream. In questo lasso di tempo siamo riusciti ad abolire diversi miliardi di dollari di debito, e molti altri saranno sradicati quando Biden riuscirà finalmente ad utilizzare la penna presidenziale per un ordine esecutivo.

Debt Collective è un'iniziativa organizzativa molto efficace ed è un buon caso studio su come trasformare una voce nel deserto in un tema centrale, all'attenzione dei politici. A lungo termine, riteniamo che il nostro sforzo per creare un sindacato dei debitori sia storicamente inevitabile. Proprio come i sindacati erano necessari, nel periodo d'oro dell'industrializzazione, per contrattare il surplus del lavoro salariato, crediamo che i sindacati dei debitori saranno necessari in un'epoca di forte finanziarizzazione per combattere la classe dei creditori.

Infine, cosa pensi del ruolo degli Stati Uniti in relazione all'aggressione russa all'Ucraina? Il dibattito a sinistra sembra polarizzato tra accuse di "Westplaining" e dichiarazioni che paiono ignorare la rinascita dell'imperialismo russo e il ruolo della resistenza ucraina. Sembra che un'analisi complessa tenda a essere ridotta a uno dei due estremi.

Qual è la tua opinione? Come giudichi la posizione dell'amministrazione Biden?

La mia tendenza è quella di vedere la situazione come una lotta di potere del tutto asimmetrica. Washington e i suoi alleati sono molto più capaci di mettere Putin alle strette di quanto lui non sia in grado di perseguire i propri obiettivi regionali, per quanto ripugnanti. A questo punto, il teatro di guerra guidato dalla NATO è ben compreso e l'opportunità per gli Stati Uniti di riaffermare la propria leadership militare e finanziaria, dopo gli anni dell'isolazionismo di Trump, è stata colta e sfruttata al massimo. È anche difficile per me superare il doppio standard quando si tratta di politica delle sanzioni. Considerando quanti Paesi con popolazioni non bianche sono stati decimati dall'aggressione statunitense, dalla diplomazia geopolitica o dalla repressione economica, è rivoltante vedere l'ipocrisia dietro la corsa bipartisan di Washington a difendere l'Ucraina dall'imperialismo russo. I palestinesi, solo per citare un esempio, vengono brutalizzati quotidianamente dai soldati israeliani e dalle armi finanziate dagli Stati Uniti, mentre il movimento BDS per sanzionare Israele viene messo fuori legge, se non criminalizzato, in ogni Stato degli Stati Uniti e in alcune nazioni europee.

Non c'è un lato positivo per il popolo ucraino (o per il popolo russo schiacciato dalle sanzioni). Detto questo, la maggior parte dell'Ucraina potrebbe finire all'interno dell'UE. A questo proposito, l'esito politico del conflitto sarà una questione che determinerà cosa è e cosa dovrebbe essere l'Europa. Si tratta di una questione che, ovviamente, va oltre l'UE stessa.

Bookmark and Share