Estrattivismo in Europa: in Serbia le proteste contro la miniera di litio della multinazionale Rio Tinto

Intervista a Vladimir Unkovski – Korica, membro dell’organizzazione politica serba Marks21 e della redazione di Lefteast.

28 / 12 / 2021

È da ormai diverse settimane che in Serbia si registrano delle mobilitazioni contro la costruzione nel paese di una miniera di litio pianificata dalla multinazionale dell’estrazione Rio Tinto e supportata dal governo (progetto ben visto per ragioni strategiche anche dall’Unione Europea).

I cittadini serbi sono scesi in piazza in decine di migliaia per difendere l’ambiente, come nelle giornate dello scorso 27 novembre e 11 dicembre, in cui sono stati occupati strade e ponti della città di Belgrado. Tanti gli slogan scanditi contro il presidente del paese Vucic, già obiettivo delle critiche durante la mobilitazione dell’estate del 2020 per la gestione della pandemia (qui potete leggere un’intervista per Globalproject.info in proposito). Di seguito proponiamo un’intervista a Vladimir Unkovski – Korica, membro dell’organizzazione politica serba Marks21 e della redazione di Lefteast.

Quali sono le ragioni che hanno spinto così tanti cittadini serbi nelle strade a manifestare contro la multinazionale Rio Tinto?

Poco meno di un anno fa è partita una petizione che chiedeva di fermare la costruzione di una miniera di litio nella valle serba di Jadar. Presentata da diversi esperti e attivisti noti, e da circa due dozzine di gruppi ecologisti, la petizione sosteneva che la miniera avrebbe causato danni incalcolabili alla fornitura di acqua e ai terreni agricoli locali. Nel primo mese circa, la petizione è stata firmata da 10.000 persone. Entro sei mesi dal lancio, la petizione ha raggiunto 100.000 firme. Ora è giunta a quasi 300.000 firme.

Anche se le proteste ci sono da diversi mesi, c'è stato un cambiamento qualitativo nel novembre 2021. La gente era arrabbiata per le proposte di legge che davano al governo la possibilità di espropriare la terra e la rimozione di una soglia minima per i referendum. In migliaia hanno bloccato ponti, autostrade, strade e centri cittadini per far sentire la loro voce. Le richieste principali delle proteste riguardavano il ritiro delle leggi governative sull'esproprio e i referendum, ma erano chiaramente rivolte contro la costruzione di una miniera di litio.

Qual è la posizione del governo Serbo riguardo a queste proteste? E qual è la posizione dell’Unione Europea in questo frangente?

Il governo della Serbia si è opposto alle proteste. Come è diventato abituale, ha rimproverato le persone che sono scese in piazza di essere contro il progresso della Serbia. Contro-proteste si sono verificate anche contro le manifestazioni ambientaliste in diverse città. L'incidente più infame è avvenuto nella città occidentale di Šabac, dove uomini mascherati e un bulldozer sono stati schierati nel tentativo di interrompere le proteste.

Questa notizia ha gettato un'ombra sul congresso del partito al potere, che ha avuto luogo nello stesso periodo a fine novembre. Il partito al potere, il Partito Progressista Serbo, ha sostenuto il presidente in carica Aleksandar Vučić, che dovrà essere rieletto il 3 aprile 2022. Ma una campagna stampa e l'ampiezza dell'opposizione nelle strade stanno rendendo complicata le possibilità del suo partito di mantenere la sua maggioranza alle elezioni del prossimo anno.

Alcuni sondaggi hanno suggerito che fino a un quinto dei manifestanti erano elettori del partito del presidente. Nel giro di pochi giorni, il governo ha annunciato che avrebbe abbandonato la sua proposta di legge controversa. Si trattava chiaramente di una sconfitta, ma il governo sperava che non avrebbe fatto deragliare il progetto da 2,4 miliardi di dollari della Rio Tinto. Tuttavia, la settimana seguente, cedendo alla pressione pubblica, le autorità municipali locali di Loznica hanno votato per sospendere un piano di sviluppo regionale che aveva permesso l'estrazione del litio. Chiaramente, la miniera di litio è ora in pericolo e questo crea problemi non solo per il partito al governo in Serbia, ma anche per l'UE.

L'UE attualmente importa il litio per le batterie da fuori Europa. La Serbia è un membro candidato e la Commissione europea è chiaramente favorevole al progetto, avendo definito l'estrazione del litio una buona opportunità di business per la Serbia. Si è persino parlato di rifornire le case automobilistiche tedesche. Quindi, è altamente improbabile che questa sia la fine della storia, dato che sono coinvolti grandi interessi.

Nel luglio del 2020, le notizie delle politiche repressive nel periodo della pandemia del presidente Vucic si sono diffuse in tutta Europa. Si tratta di proteste che misero in luce l’incapacità del suo governo di dare risposte alla popolazione, in quanto prosecutore delle politiche neoliberiste di tagli sulla sanità e privatizzazione di tale settore. Qual è la situazione della diffusione del virus attualmente in Serbia?

La Serbia ha avuto un periodo difficile con il Covid. Come gran parte dell'Europa, il paese ha sperimentato una quarta ondata di infezioni da Covid all'inizio dell'autunno di quest'anno. La situazione era critica a fine novembre, e anche se il numero di casi è in calo da circa un mese, ce ne sono ancora più di 3.000 negli ospedali.

Tuttavia, non abbiamo ancora avuto l'insorgenza di Omicron in modo serio, e quindi è probabile che la situazione si deteriori ancora una volta in modo significativo. I tassi di vaccinazione, che inizialmente erano tra i più alti in Europa, hanno rallentato notevolmente e sono ora nella fascia bassa in Europa, con meno del 50% della popolazione adulta. Il governo sottolinea l’importanza vaccinazione e le restrizioni legate ai non vaccinati, ma è stato riluttante a prendere in considerazione misure più ampie, come la reintroduzione di chiusure, poiché sono viste dal governo un ostacolo al funzionamento dell’economia

Questo è molto simile all'approccio neoliberale mainstream, che ha visto la salute pubblica subordinata alla logica del profitto. Come in molti paesi, c'è riluttanza a farsi vaccinare e le teorie di cospirazione della destra hanno ricevuto un po' di ascolto. Ma ci sono anche critiche da altri ambienti. In particolare, il sindacato dei medici e dei farmacisti e l'associazione collegata "Uniti contro il Covid" hanno fatto pressioni per restrizioni più severe sul distanziamento sociale. Hanno anche, tuttavia, recentemente chiesto la vaccinazione obbligatoria della popolazione, che si sta rivelando controversa. Il paese sembra profondamente impreparato per un'altra ondata del coronavirus.

Bookmark and Share