La situazione della nigeria che non si piega alle logiche di sfruttamento della terra e della popolazione attuate dalle multinazionali del petrolio,come l'Agip e la Shell, un popolo in lotta per la propria terra e per i propri diritti inquinati da un nuovo colonialismo capitalista che non accenna a fermarsi,neanche davanti alla morte.

Reggio E. - Il delta del Niger

presentazione del libro "Delta in Rivolta" con la presenza dell'autore Daniele Pepino e proiezione del documentario "Delta Oil Dirty Business"

23 / 1 / 2010

In Nigeria, tutte le speranze nella democrazia e nel benes­sere suscitate dall’indipendenza e dalla scoperta del petrolio, sono naufragate tra le paludi del Delta del fiume Niger, affondate dallo sfruttamento selvaggio di multina­zionali come la Shell, I’Agip, la Chevron e dai corrotti governi locali. All’ombra di un cielo inquinato e di un mare senza pesci, «la gente ha cominciato a pensare: “Dobbiamo armarci se non vogliamo morire”. La violen­za genera violenza. E quando una persona perde la spe­ranza, si sente devastata, e finisce per dire: “0 combatto o tanto vale che muoia”».

Così, a bordo di motoscafi veloci, con passamontagna, fucili automatici e kalashnikov, i ribelli del Delta sono passati al contrattacco, sabotando l’industria del petrolio. Sono la voce armata di una intera popolazione, stremata da decenni di saccheggio dell’ambiente e di repressione militare. Si battono contro l’inquinamento delle loro terre, per il risarcimento dei danni subiti e la restituzione delle risorse alle comunità locali.

Giovedì 28 gennaio 2010 alle ore 21:

Presentazione del libro "Delta in Rivolta" alla presenza dell'autore Daniele Pepino

A seguire proiezione del documentario "Delta Oil Dirty Business"

Laboratorio Aq16, via F.lli Manfredi 14, ex Foro Boario, Reggio Emilia

Bookmark and Share